• Google+
  • Commenta
16 agosto 2012

Area sanitaria: date, quesiti, punteggi e programma del test d’ingresso 2012

Passato il Ferragosto, incombono i famigerati test di ingresso per l’ammissione ai corsi universitari a numero chiuso. Sulle pagine di Controcampus.it vi abbiamo già indicato le date dei test decise dal Ministero, provato a darvi qualche consiglio su come affrontarli (qui l’articolo) e fornito indicazioni circa i costi (leggi qui).

Oggi, per cercare di esservi sempre più vicino nella preparazione, vi forniamo qualche indicazione sul programma da studiare per affrontare al meglio il test d’accesso ai corsi di laurea in Medicina e Chirurgia, Veterinaria, Odontoiatria e Protesi Dentaria e ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie.

Le prove di selezione in lingua italiana per l’ammissione a Medicina e Chirurgia ed Odontoiatria si terranno il 4 settembre, mentre il giorno dopo avranno luogo quelli in lingua inglese sempre per gli stessi corsi; il 10 settembre è la volta degli aspiranti veterinari mentre per tentare di accedere ad altri corsi dell’area sanitaria tra cui fisioterapia, infermieristica, ostetricia e logopedia, bisognerà attendere l’11 settembre.

Date diverse ma stesso programma di preparazione per le aspiranti matricole che dovranno rispondere ad 80 quesiti, ciascuno dei quali con cinque possibilità di risposta, come stabilito dal Decreto Ministeriale del 28 giugno 2012 n.196.

Il test per accedere ai corsi dell’area sanitaria verterà sulle seguenti materie: cultura generale e ragionamento logico, chimica, biologia, fisica e matematica. Per cultura generale e logica, il Ministero prevede quesiti riguardanti testi di saggistica scientifica o narrativa e testi di attualità pubblicati su quotidiani e riviste generalistiche o specialistiche. Alcuni quesiti potrebbero inoltre vertere su casi o problemi, anche di tipo astratto: le risposte fornite dal candidato accerteranno la sua capacità di formulare ragionamenti corretti, ovvero coerenti con le premesse, e la sua conoscenza della lingua italiana.

Gli argomenti di biologia da studiare o ripassare per il test sono: la chimica dei viventi, lo studio della cellula, i tessuti animali, la bioenergetica, la riproduzione e l’ereditarietà, i cicli vitali (riproduzione sessuata e asessuata), le leggi e le applicazioni della genetica mendeliana, l’ereditarietà e, per finire, l’anatomia e la fisiologia degli animali e dell’uomo.

Per chimica, è richiesta la conoscenza della costituzione della materia, della struttura dell’atomo, del sistema periodico degli elementi, del legame chimico, di fondamenti di chimica inorganica, di reazioni chimiche e stechiometria, di soluzioni, di ossidazione e riduzione, di acidi e basi e dei fondamenti di chimica organica.

Le misure dirette e indirette,  le grandezze fondamentali e derivate, le dimensioni fisiche delle grandezze, la cinematica, la dinamica, la meccanica dei fluidi, la termologia e la termodinamica, l’elettrostatica e l’elettrodinamica sono gli argomenti inerenti la fisica che potrebbero comparire nei quesiti del test.

Infine per matematica il programma del Ministero prevede possibili domande sugli insiemi numerici e sull’algebra, sulle funzioni, sulla geometria e su nozioni di probabilità e statistica.

Se il programma è lo stesso, da corso a corso varia la distribuzione dei quesiti per materia: il test per Medicina ed Odontoiatria prevede infatti 40 quesiti per l’argomento di cultura generale e ragionamento logico, 18 di biologia, 11 di chimica e 11 di fisica e matematica, mentre agli aspiranti veterinari spetteranno 25 quesiti di chimica, 23 di cultura generale e ragionamento logico, 20 di biologia e 12 di Fisica e Matematica. A predisporre la prova sarà direttamente il Miur che nominerà a tal fine un’apposita commissione di esperti.

Allo stesso modo, tra Medicina e Veterinaria, cambia il sistema di valutazione: per Medicina e Chirurgia infatti prevarrà in ordine decrescente il punteggio ottenuto dal candidato nella soluzione, rispettivamente, dei quesiti relativi agli argomenti di cultura generale e ragionamento logico, biologia, chimica,  fisica e matematica, mentre per Veterinaria avrà il punteggio maggiore chi risolverà in maniera corretta più quesiti relativi rispettivamente a chimica, cultura generale e ragionamento logico, biologia, fisica e matematica.

Per i test dell’11 settembre relativi all’accesso ai corsi delle altre professioni sanitarie, il Decreto prevede che ciascuna università predisponga la prova e che essa valga ugualmente per l’accesso a tutte le tipologie dei corsi attivati presso ogni Ateneo. Il numero di quesiti è sempre 80, distribuiti come per il test d’accesso a Medicina ed Odontoiatria.

Le prove si terranno a partire dalle ore 11 del giorno stabilito e dureranno due ore, di sicuro le ore più importanti per chi, da molto tempo, sogna di diventare chirurgo, infermiere, veterinario, dentista, logopedista, ostetrico oppure fisioterapista.

Fonte immagine: http://www.mobimed.it 

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy