• Google+
  • Commenta
29 agosto 2012

Convegno su “Democrazia partecipata e sviluppo sociale”

Un convegno per affrontare il tema della democrazia partecipata in un’ottica di sviluppo sociale si svolgerà presso la Facoltà di Scienze della Formazione dal 6 all’8 settembre. Il convegno è frutto della collaborazione tra Libera Università di Bolzano e International Consortium for Social Development (ICSD).

Numerosi e rinomati relatori provenienti da diversi atenei di Europa, Asia e USA si ritroveranno a Bressanone per scambiare idee ed interrogativi con politici e studiosi altoatesini a proposito di democrazia e di sviluppo sociale.

Nel corso della tre giorni si discuterà del ruolo di internet nella democrazia partecipata, si osserveranno gli sviluppi sociali nel mondo islamico e sarà portata avanti una discussione sulle relazioni tra il mondo “fuori” e “dentro” le carceri. Saranno posti sotto i riflettori anche alcuni progetti locali: ci saranno relazioni sui servizi socio-sanitari in Alto Adige, sull’iniziativa brissinese volta a rinverdire la città, ed è prevista una visita guidata alla Casa della Solidarietà.

Nella giornata conclusiva sono previste la relazione del rettore Walter Lorenz su democrazia integrativa e servizi sociali, ed una discussione sugli strumenti di democrazia diretta in Italia ed in Alto Adige.
Il convegno ruota attorno alla consapevolezza che lo sviluppo sociale richiede un ampio sviluppo della democrazia. “In una società che guarda al futuro la democrazia si basa su diritti politici, giustizia sociale e coscienza ecologica”, sottolinea la Prof. Susanne Elsen, organizzatrice del convegno. “La democrazia garantisce a tutti i membri della società l’accesso alle necessarie risorse materiali e sociali ed apre loro la possibilità di partecipare a processi decisionali che li riguardano in prima persona. Questo deve riguardare anche e soprattutto le persone svantaggiate, che in ogni società si trovano davanti a barriere che impediscono loro la partecipazione”.

Il convegno si svolgerà per la maggior parte in inglese.

 

Foto: www.stol.it

Google+
© Riproduzione Riservata