• Google+
  • Commenta
7 agosto 2012

Profili Facebook falsi: perchè crearli e a cosa servono, pericoli dei Fake

Profili Facebook falsi
Profili Facebook falsi

Profili Facebook falsi

Come sono i profili Facebook falsi, detti anche Fake: perchè crearli e a cosa servono.

Navigare in rete equivale a farsi strada in una giungla e il pericolo di incappare in incontri virtuali poco raccomandabili è sempre più frequente.

Con l’avvento dei social network, in primis Facebook, tale pericolo aumenta vertiginosamente di giorno in giorno.

Tale argomento, trattato già dal nostro giornale, è di attuale interesse specie se si decide di prendere in considerazione le cause che spingono le persone a dare vita a falsi profili.

I collaboratori dell’ormai noto Mark Zuckerberg hanno evidenziato che su 955 milioni di utenti totali; 83 milioni di questi profili sono falsi! Come riporta il sito internet.tuttogratis.it l’8,6% degli utenti Facebook non sarebbe una persona in carne ed ossa.

Secondo il sito infatti si tratterebbe di: “profili duplicati, ovvero da utenti che, oltre al proprio personale, creano un secondo account, identico o di fantasia. Sono, invece, il 2,4% i cosiddetti profili “mal-classificati”: pagine personali aperte per conto di un’azienda, un’organizzazione o, addirittura, un animale. Infine ammontano a circa l’1,5%gli account “indesiderabili”: profili falsi creati soprattutto per veicolare spam sulla rete”.

Profili Facebook falsi o fake user: cosa sono perchè vengono creati e pericoli

Il problema dei profili falsi, tralasciando il tipo di account che si crea, sia esso dedicato ad animali o ad imprese è spesso il rifugio di cattive intenzioni. Attraverso una vita virtuale si può decidere di essere chiunque e ciò offre la possibilità alle persone di dar sfogo alla loro parte peggiore. I social network hanno una potente capacità ingannatoria ed è per questo che sarebbe d’obbligo avvicinarsi ad essi con atteggiamento decisamente diffidente.

La domanda che sorge spontanea alla luce di questa verità è: perchè le persone tendono a crearsi profili Facebook falsi? quali sono le cause di tali azioni?

Partendo dalle intenzioni “più oneste” c’è chi crea un doppio account facebook semplicemente per incrementare la lista dei propri amici e avere più gente con cui giocare. Farmville, The Sims, Texas HoldEm Poker sono alcuni dei giochi più gettonati che richiedono un buon numero di giocatori allo scopo di ottenere punteggi sempre maggiori.

C’è poi chi, accanto al primo inoffensivo profilo, ingegna un secondo o un terzo account per adescare minorenni e questo è uno dei casi più gravi in cui persone evidentemente disturbate e bisognose di aiuto, infastidiscono e molestano ragazzi e ragazze ingenue. In questo caso si tratta di pedofilia; problema al quale si potrebbe ovviare da parte delle famiglie, dialogando con i propri figli e mettendoli in guardia circa i pericoli cui si va incontro.

La via di mezzo risiede in quei profili creati per controllare la propria vita parallela. Si tratta di account che hanno lo scopo di nascondere una doppia vita come nel caso di chi deve celare i propri amanti o le proprie tendenze fedifraghe. Il social network in questione, sviando spesso il problema del controllo, pullula di profili nati per nascondere un’esistenza decisamente diversa da quella che si crede appartenere a qualcuno.

Una delle ultime novità legate al boom dei profili Facebook falsi “fake users” riguarda il curioso caso di un gruppo di teenagers un pò troppo appassionate di gossip; quando si dice che guardare eccessivamente la tv faccia male! Non a torto, le teenagers in questione hanno deciso di portare nella realtà ciò che per finzione accade nella serie televisiva Gossip Girl! Prendendo come vittime del “basso gossip” i ragazzi e le ragazze della propria scuola, hanno creato vari profili facebook con i nomi dei protagonisti della serie televisiva e hanno cominciato a postare dei commenti alla “kiss kiss Gossip Girl” sulle vite e sugli amori degli sventurati. Fortunatamente, dopo le varie segnalazioni, molti di questi profili sono stati cancellati.

Se la notizia da un lato suscita una leggera risata, d’altro canto deve far seriamente riflettere. Innanzitutto è sconcertante l’influenza dei media come la tv sulle giovani menti senza filtri. Il fatto che non esistano distanze tra ciò che propone immaginariamente la tv e ciò che è la realtà, aumenta la problematicità della situazione se pensiamo che i social network rendono possibile la deleteria imitazione di falsi miti.

Il dibattito nato con l’avvento dei social network purtroppo ha ragione d’esistere se si considerano tutte le facce della medaglia. Uno schermo come barriera nei confronti della comunicazione e dei rapporti umani, porta ad un deterioramento della realtà, al disfacimento della sottile linea di confine tra giusto e sbagliato, tra realtà e finzione. Come in ogni ambito, un uso scorretto di ciò che l’intelligenza umana crea, conduce inevitabilmente su strade pericolose.

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy