• Google+
  • Commenta
3 agosto 2012

Pisa: a Veterinaria accolti 21 beagle di Green Hill

Vivaci e scodinzolanti, 21 beagle, maschi e femmine, sono stati accolti il 1 agosto al dipartimento di Clinica veterinaria dell’Università di Pisa a San Piero a Grado. Si tratta di esemplari di due anni provenienti dai laboratori Green Hill che facevano parte di un programma di sperimentazione presso un’industria farmaceutica che si è appena concluso.

Malgrado la brutta esperienza passata, i beagle godono tutti di ottima salute e sono in cerca di famiglie adottive.
Gli animali, microcippati e vaccinati, sono stati subito sottoposti ai dovuti controlli sanitari e nei prossimi giorni seguiranno training di riabilitazione condotto dall’equipe della clinica veterinaria guidata dalla professoressa Daniela Gianfaldoni e dal professor Francesco Camillo con il supporto di Angelo Gazzano, ricercatore ed esperto comportamentista, presso il dipartimento di Scienze Fisiologiche dell’Ateneo. La clinica veterinaria pisana è infatti l’unica in Italia individuata dal Ministero della Salute per questo tipo di percorsi di recupero.
Per questi animali – fanno sapere dalla clinica veterinaria – cerchiamo adozioni serie e responsabili e le richieste di affido potranno essere inoltrate a Antonella Pochini dell’Ufficio Ricerca dell’Università di Pisa (tel. 0502212211) anche via mail (a.pochini@adm.unipi.it). Sarà quindi nostra cura stilare una lista degli aspiranti adottanti, mentre le consegne dei beagle saranno possibili da 20 agosto in poi”.
Il progetto di riabilitazione di animali da laboratorio dell’Università di Pisa si fonda su una circolare ministeriale che indirizza gli operatori verso la pratica della rehabilitation degli animali sperimentali, nei casi in cui le condizioni di salute degli stessi lo consentano. Lo scopo è quello di costituire un centro per la riabilitazione di animali da laboratorio presso il nuovo dipartimento di Scienze veterinarie dell’Ateneo, supportato da esperti in etologia, per promuovere la massima diffusione dell’informazione sulle possibilità e metodologie in questo settore.

Google+
© Riproduzione Riservata