• Google+
  • Commenta
3 agosto 2012

Spunta la norma “ad parrocchiam” e la chiesa si fa outlet

Sono tempi difficili i nostri, i martelli dei bund, le stoccate dello spread, il caro benzina egli spaghetti ai massimi storici sono un tormentoso ritornello da aggiungere alla canicola estiva come cocktail perfetto per smontare qualunque entusiasmo imprenditoriale.

Il problema è sempre lo stesso: cercare di rilanciare le attività commerciali per permettere l’inizio di un circolo virtuoso che partendo dalla piccola e media impresa riporti un pò di liquidità nelle tasche degli esausti imprenditori oberati da tassazioni astronomiche e tante leggi quante possono essere le spine di un cactus, pronte a penetrare a fondo nei tessuti organizzativi fiaccandoli e stordendoli.

Bonaccia d’agosto e pastoie all’impresa, questi due fattori devono essersi fusi insieme dietro alla fronte sudata di qualche assessore alla regione Lazio, seduto magari a sorseggiare un limoncello digestivo sotto gli ombrelloni di una trattoria al Pantheon, commentando gli stormi di turisti che sgambettano sui sanpietrini incandescenti con qualche alto prelato dopo una robusta portata di coda alla vaccinara e qualche croccante fiore di zucca fritto.

L’incontro tra Chiesa e politica romana porta sempre buoni frutti ed ecco che magari nel tempo di un solo pasto a qualcuno dei due rappresentanti delle millenarie istituzioni viene in mente l’idea del rilancio; una nuova norma che permetta all’economia di muovere un pò i piedi appesantiti e permetta a qualcuno di godere finalmente di privilegi prima negatigli portando qualche soldino nelle casse da troppo tempo tristemente vuote. Il cielo si spalanca e la nuova proposta è pronta per essere presentata ai colleghi: Curia ed enti ecclesiastici potranno disporre dei propri terreni con l’inedita facoltà di potervi costruire, oltre a chiese ed oratori, anche centri commerciali, strutture alberghiere, centri residenziali per un massimo di tremila metri quadrati, tutto ciò in deroga ai piani regolatori e con la possibilità di cedere il diritto edificatorio speciale a costruttori privati.

Fondamentalmente si tratterebbe di una risposta al problema delle limitate provvidenze pubbliche per i luoghi di culto attraverso una concessione assolutamente originale di libertà sia in termini commerciali che ambientali affidando interamente la decisione di edificazione personale o demandata agli organi ecclesiastici; niente male come modifica al piano casa, arrivata come una folgore in parlamento dopo una seduta notturna della giunta laziale guidata dall’assessore all’urbanistica Luciano Ciocchetti di Udc che si è trovato costretto ad approvarla in fretta e furia vista la sua impellente necessità di trovarsi a Londra per l’inaugurazione dei giochi olimpici. Così il sub-maxi-emendamento, pronto da più di un anno, si è trovato arricchito di questa aggiunta dell’ultimo minuto insieme con una ventina di commi da votare tutti contemporaneamente per evitare ostruzionismi nella seduta parlamentare del giorno successivo.

Alla presentazione da parte della giunta Polverini le opposizioni hanno lasciato l’aula denunciando la mancata discussione del piano chiesa e la sua probabile incostituzionalità insieme con le proteste degli ambientalisti che hanno visto nel piano urbanistico «un regalo a Chiesa e palazzinari»; in più membri della stessa Udc si sono dimostrati perplessi facendo mancare il proprio voto di approvazione. Tale vespaio non poteva che essere sedato dal ministero che ha congelato in toto il nuovo piano casa richiedendo una riconsiderazione generale delle norme per evitare che la soluzione sia peggiore del problema.

fonte citazionihttp://www3.lastampa.it

fonte foto: collage da http://religione.liquida.it/ e http://us.fashionmag.com/

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy