• Google+
  • Commenta
1 settembre 2012

Dirigenti part-time nelle scuole lombarde

Il dirente scolastico ricopre una funzione determinante all’interno dell’istruzione pubblica,il suo ruolo è quello di responsabile della gestione delle risorse finanziarie e strumentali e dei risultati del servizio. Nel rispetto delle competenze degli organi collegiali scolastici, spettano al dirigente scolastico autonomi poteri di direzione, di coordinamento e di valorizzazione delle risorse umane. In particolare il Dirigente Scolastico organizza l’attività scolastica secondo criteri di efficienza e di efficacia ed è il titolare delle relazioni sindacali.

Da queste informazioni sembra che il dirigenti scolastico ricopra una funzione essenziale all’interno di ogni sistema scolastico,e non si potrebbe pensare di iniziare un anno scolastico sprovvisti di esso.In Lombardia però molte scuole inizieranno l’anno privi del preside.Sono in totale 600 scuole della Lombardia che non riescono a ricoprire la fugura di preside,questo perchè tempo fà il Tar ha deciso di annullare in concorso perché riteneva che le buste contenevano elaborati dei candidati troppo sottili al punto da non garantire l’anonimato.

I posti vaganti sono 406 ma con il concorso si sarebbero coperti 355 di essi,ora invece l’anno scolastico sta per iniziare e la Lombardia trova difficoltà nel prendere decisioni a riguardo.Per il momento la Direzione Didattica ha deciso di inviare nelle scuole presidi di altri istituti, i quali dirigeranno gli istituti colpiti dalla mancanza in maniera part-time. Naturalmento questa aggiunta garantirà loro unaumento di  stipendio di circa  300 euro.La soluzione sembra essere stata definita : presidi part time per le scuole lombarde.

A mali estremi, estremi rimedi…si tratta di una decisione impegnativa,nuova e nessuno ha idea di come affrontarla,soprattutto coloro che saranno costretti a dividersi tra un istituto e un altro.

Servirebbe dunque un altro concorso,anche l’Assessore regionale lombardo, Valentina Aprea, intervistata da Il Sussidiario.net, cerca un sistema dei concorsi con migliaia di candidati con metodi più snelli, efficienti e che puntino sull’autonomia delle singole scuole, nel pieno rispetto del titolo V della Costituzione.

Per quanto riguarda la decisione del preside part-time l’assessore aggiunge : “Noi ci siamo già mobilitati e siamo in stretto contatto con l’ufficio scolastico regionale per l’assegnazione delle reggenze delle scuole con posto vacante ad altri dirigenti: purtroppo quasi ogni dirigente di ruolo dovrà avere una o più scuole in reggenza, ma al momento non vi è altra soluzione. Certo è che questa situazione non potrà essere che transitoria, perché dirigere un’istituzione scolastica è un lavoro impegnativo. Si consideri che in Lombardia abbiamo lavorato in questi anni per avere istituzioni scolastiche ampie, con un numero medio di 950 studenti e molte sedi territoriali, perché, oltre ad aumentare l’efficienza del sistema, si rafforza il ruolo della scuola autonoma nei confronti dei propri interlocutori. Istituti di questo tipo, con oltre cento dipendenti, necessitano di un dirigente competente e presente. Non subiremo passivamente: abbiamo già invitato per giovedì prossimo l’ufficio scolastico regionale, i sindacati, le rappresentanze dei dirigenti scolastici e delle famiglie per condividere soluzioni e creare un osservatorio permanente che monitori la situazione e prospetti eventuali azioni da mettere in campo a livello regionale e nazionale”.

Entro il 20 novembre il Ministero potrebbe prendere una nuova decisione secondo Valentina Aprea  il ministero non dovrebbe aspettare la sentenza definitiva del 20 novembre per attivarsi: “se il Consiglio di Stato dovesse confermare l’annullamento del concorso non avremmo infatti più alcuna alternativa non solo per questo anno scolastico, ma nemmeno per il prossimo. Partiamo dalla constatazione che se quest’anno i posti da dirigente vacanti sono 500 il prossimo anno saranno quasi 700 e che tutti devono essere coperti da personale di ruolo: proprio perché siamo una delle Regioni più virtuose d’Italia”.

Nella conclusione dell’intervista all’Assessore le viene chiesto:

Allora cosa propone?

Larisposta sembra sicura e determinata,l’idea è quella di  bandire immediatamente un nuovo concorso per altri 350 posti. Se il ricorso pendente venisse rigettato si avranno subito 355 dirigenti e nell’arco di qualche mese anche gli altri 350 di cui la Lombardia ha bisogno.

Fonte della foto: www.scuolagaurico.it

 

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy