• Google+
  • Commenta
12 novembre 2012

Unical, Orfeo in Ovidio: Epos; e Metamorfosi; in libreria

 Mercoledi 14 novembre, ore 18

Sala eventi della libreria UBIK, Cosenza

Alessandra Romeo presenta il libro Orfeo in Ovidio. La creazione di un nuovo epos, edito dalla Rubbettino Ed.

Ne discutono con l’autrice :
Marilena Cerzoso, Direttrice del Museo dei Brettii e degli Enotri di Cosenza

Raffaele Perrelli, Preside della Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università della Calabria

Ornella Scognamiglio, docente di Storia dell’Arte presso la Facoltà di Lettere dell’Università della
Calabria

Il libro

Il mito di Orfeo nelle Metamorfosi propone con efficace evidenza i tratti più significativi della maniera epica ovidiana: la dimensione narrativa che ordina secondo un racconto verisimile e raziocinante i due nuclei principali del mito (la catabasi e la morte del cantore), l’attitudine callimachea che espande elementi apparentemente accessori della fabula (i canti di Orfeo dopo la seconda morte di Euridice), il superamento del modello virgiliano (l’Orfeo delle Georgiche) la cui memoria ovidiana ­ vigile e straniante al tempo stesso ­ si esplicita in un’aemulatio del testo-maestro tanto raffinata quanto meno riverente ne è l¹imitatio. Questo libro indaga sulla cosiddetta facilità narrativa di Ovidio epico i cui effetti sono mirabilmente esemplificati dal carmen orfico, il più ampio canto nel canto delle Metamorfosi. La virtuosistica tecnica ovidiana, basata sull’interazione fra una rete tematica di consolidato uso letterario (i topoi del furor amoris, della potentia formae, del vulnus inmedicabile) e l’avvincente trattamento espositivo di ogni fabula (la trama delle storie di Ciparisso, Giacinto, Pigmalione, Mirra, Adone, Atalanta e Ippomene), crea una dizione epica capace di fare del molteplice racconto dei miti un nuovo e unitario Œracconto del mondo.

L’autrice
Alessandra Romeo insegna Letteratura Latina nella Facoltà di Lettere dell’Università della Calabria. Le sue ricerche spaziano fra l’esegesi letteraria con speciale riferimento alla dizione epica (Il proemio epico antico. Quattro capitoli, Gangemi ed.) e la teoria retorica ciceroniana (Cicerone e l’elogio retorico. Per una lettura del De oratore, Pellegrini ed.).

Gli studi degli ultimi anni, dedicati alla produzione epica di Ovidio, indagano sulle tecniche narrative delle Metamorfosi analizzando in particolare i libri “orfici” del poema -il X e l’XI- (Orfeo in Ovidio. La creazione di un nuovo epos, Rubbettino ed.).

 

Fonte foto 1

Fonte foto 2

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy