• Google+
  • Commenta
22 novembre 2012

Uniss: La biodiversità e l’identità del territorio

La biodiversità e l’identità del territorio

Il 23 novembre una giornata di studio organizzata dall’Università di Sassari

SASSARI. Il Centro per la conservazione e la valorizzazione della biodiversità vegetale dell’Università degli Studi di Sassari (CBV) organizza un’intera giornata dedicata al tema della biodiversità. Venerdì 23 novembre dalle 9.00 alle 13.00 nell’aula magna del Dipartimento di Agraria  in Viale Italia 39, è in programma un convegno intitolato “La flora spontanea di interesse ornamentale della Sardegna”. Nel pomeriggio a Surigheddu sulla strada Olmedo-Alghero, si terrà il terzo “Incontro Agricoltori custodi”.

L’evento rappresenta un’altra tappa del percorso di riflessione sulla biodiversità, finalizzato a individuare le attuali conoscenze, le possibili scelte, le probabili prospettive e cogliere i vantaggi degli investimenti fatti sulla biodiversità come elemento caratterizzante dell’identità del territorio e forza motrice in grado contribuire alla creazione di posti di lavoro, con notevoli vantaggi economici e ambientali a medio e lungo termine.

Il convegno è incentrato sulle specie della flora spontanea della Sardegna che possono essere utilizzate come piante ornamentali. Molte specie della macchia mediterranea sono già oggi utilmente impiegate negli spazi verdi pubblici e privati, mentre trovano scarso utilizzo piante erbacee di grande valore estetico e di facile coltura come giglio di monte, digitale, peonia, crochi, delphinium, pervinca e tante altre più o meno abbondanti allo stato spontaneo nel territorio. Si parlerà anche dei risvolti dell’utilizzo delle piante esotiche in ambiente urbano.

Interverranno il Rettore dell’Università di Sassari, professor Attilio Mastino, il professor Ignazio Camarda (Direttore del Centro per la valorizzazione della biodiversità vegetale), il professor Giuseppe Pulina (Direttore del Dipartimento di Agraria), il professor Sandro Dettori (Direttore del Dipartimento di Scienze della Natura  e del Territorio), il dottore agronomo Ettore Crobu (Presidente Federazione Ordini dei dottori agronomi e forestali della Regione Sardegna), gli imprenditori Rosi Sgaravatti e Gavinuccio Nieddu. Il programma completo si trova sul sito web del CBV all’indirizzo http://www.uniss.it/php/cbv.php.

Nel pomeriggio si prosegue nella sede del CBV a Surigheddu con il terzo “Incontro Agricoltori Custodi” che si terrà dalle ore 14.00 alle 17.30. In questa occasione gli agricoltori partecipanti esporranno i loro prodotti suddivisi in quattro categorie: prodotti ottenuti da piante aromatiche (compresi liquori e distillati); prodotti ottenuti da vegetali trasformati (come miele e derivati); prodotti vegetali freschi e tradizionali; piante ornamentali coltivate della flora spontanea.

A tutti i partecipanti sarà rilasciato un attestato. Inoltre, verrà attribuito un riconoscimento ufficiale, da parte di un’apposita commissione, che premierà un produttore per ciascuna delle categorie in base alla tipicità, al gradimento organolettico, al confezionamento e alla presentazione.

 

Google+
© Riproduzione Riservata