• Google+
  • Commenta
13 dicembre 2012

L’università di Pisa premia il regista Paolo Benvenuti

L’università di Pisa premia il regista Poalo Benvenuti

La cerimonia è avvenuta nel corso di Viareggio Europacinema 2012

L’Università di Pisa protagonista di Viareggio Europacinema 2012. Martedì 12 dicembre l’Ateneo pisano, da tre anni a fianco del Festival, ha assegnato il premio alla carriera all’artista Paolo Benvenuti. La professoressa Maria Antonella Galanti, prorettore per i rapporti con il territorio, ha consegnato il riconoscimento al regista pisano insieme ad una medaglia con il cherubino, simbolo dell’Università di Pisa. Accanto a lei, sul palco del cinema Eden a Viareggio, anche Pier Marco De Santi, professore dell’Ateneo e direttore del Festival.

Il cinema di Paolo Benvenuti – ha detto Maria Antonella Galanti – getta uno sguardo complesso sui silenzi della storia che riguardano gli universi perdenti, compreso quello femminile. Il suo non è un cinema educativo in senso paternalistico, ma un invito alla lettura critica condivisa delle conflittualità sociali che generano i silenzi e le crudeltà della storia”.

Non è un caso essere qui a fianco del Festival  – ha aggiunto la prorettrice – il nostro Ateneo è da sempre interessato all’aspetto formativo del cinema. Oggi abbiamo un corso di laurea in discipline dello spettacolo e della comunicazione e fra i progetti futuri c’è la firma di un protocollo d’intesa con la Fondazione FestivalPuccini per realizzare iniziative sul cinema e la musica”.

Alla la cerimonia di premiazione  è seguita la proiezione di “Puccini e la Fanciulla” (2008), un film di Paolo Benvenuti che rivela al grande pubblico una delle  pagine meno note  della vita di Giacomo Puccini. Sulle tracce di documenti inediti trovati in una valigia dimenticata e grazie ad un lavoro ricerca storica durato alcuni anni, la pellicola narra con grande suggestione la creazione de “La Fanciulla del West”, un periodo della vita del compositore segnato dal tragico suicidio di Doria Manfredi, una ragazza a servizio in casa Puccini.

Google+
© Riproduzione Riservata