• Google+
  • Commenta
4 dicembre 2012

Premio “THE” per l’Università dell’Aquila

Il premio è stato consegnato a Londra il 29 Novembre alle università che hanno partecipato al progetto.

L’Università dell’Aquila, insieme ad altre università di origine anche caucasica, ha vinto il prestigioso premio  “Times Higher (THE) International Collaboration of the Year’”, conferito loro per la partecipazione ad un importante progetto scientifico denominato “Development of the e-learning and distance learning courses and assessment in Biomedical Sciences in the Southern Caucasus”.

Il progetto scientifico è partito nel 2011 e ha permesso di conoscere e sviluppare nuove tecnologie in campo medico: dagli approcci didattici più tradizionali a quelli digitali, così da favorire lo scambio di conoscenze scientifiche nei campi di Biologia Molecolare e Medicina. Tutto ciò è stato possibile grazie al supporto dell’Unione Europea che ha messo a disposizione un finanziamento nel quadro del Programma Tempus. Quest’ultimo ha come obbiettivo la modernizzazione delle università nei Paesi che collaborano al progetto, attraverso un finanziamento che contribuisce alla nascita di un’area di cooperazione nel campo dell’istruzione tra le università dell’Unione Europea e quelle dei Paesi ad essa confinanti.

La notizia, per quanto non abbia avuto la pubblicità che meritava, ha avuto riscontri positivi:“credo non se ne sia parlato a sufficienza – ci dice Tiziana, studentessa di Medicina all’Università dell’Aquila – ma, a parte questo, per me è un piacere sapere di essere iscritta ad un’Università tanto qualificata e attiva. Questo premio rappresenta una conquista importante per il nostro Ateneo e uno stimolo in più per noi studenti”. Non dimentichiamo, del resto, l’impatto che il raggiungimento di questo obbiettivo può comportare:“È stato raggiunto un importantissimo traguardo! – aggiunge Tiziana – Inoltre, è un segnale fondamentale che l’Ateneo dà non solo a livello nazionale ma anche a livello internazionale”.

Ad avvalorare l’opinione di Tiziana è anche il Rettore dell’Università dell’Aquila Ferdinando di Orio che, su Asca dichiara:  ”Questo premio  e’ una ulteriore dimostrazione del ruolo acquisito dal nostro Ateneo nel quadro dei rapporti scientifici internazionali e, in particolare, dei programmi di ricerca europei. Anche in questo caso, il merito va ai  nostri docenti che, con la loro attività scientifica e formativa rendono possibile il collegamento con le università europee e con quelle delle aree emergenti del mondo, contribuendo, con progetti finalizzati, al loro progresso culturale, sociale ed economico”

Il progetto contribuisce a creare un filo conduttore tra le università d’Europa; ciò consente alle università dei Paesi partner di crescere non soltanto a livello scientifico, e di introdurre anche innovazioni utili in campo medico, ma anche a livello didattico, consentendo agli studenti di sentirsi parte di una realtà viva e concreta, in grado di sviluppare progetti di alto valore e di livello mondiale.

 

Google+
© Riproduzione Riservata