• Google+
  • Commenta
10 gennaio 2013

Scuole in fiamme a Pozzuoli: Contro la camorra il Preside Riccardo Goll

Scuola in Fiamme

Scuole in fiamme a Pozzuoli – Questa è una di quelle notizie che non si vorrebbero mai dare. Non è semplice cercare di scrivere qualcosa di sensato quando ci si trova davanti a questi fatti così terribili: due Scuole in fiamme a Pozzuoli (provincia di Napoli), sono state incendiate.

Scuola in Fiamme

Scuola in Fiamme

Le Scuole in fiamme in questione sono il liceo artistico Majorana e la scuola elementare Diaz.  Entrambi gli istituti scolastici si trovano nel quartiere Monterusciello di Pozzuoli, uno fra i quartieri più popolati del paese.

Solo 24 ore prima le aule di queste due scuole erano state imbrattate, sporcate con la schiuma degli estintori, ma mai nessuno avrebbe pensato un simile finale solo poche ore più tardi.

Incontriamo Riccardo Goll, Preside del liceo artistico Majorana.

Preside, ci spieghi cosa è successo e il perchè delle Scuole in fiamme.

Purtroppo è successo qualcosa di terribile: qualcuno, ancora non si sa chi, ha completamente incendiato tutta la centralina elettrica del liceo che dirigo e della scuola elementare Diaz. Inoltre tutte le sedie e i banchi che si trovavano nelle diverse aule scolastiche sono stati cosparsi di benzina e poi dati alle fiamme. La situazione non è per niente semplice, e ovviamente le lezioni sono state temporaneamente sospese. Circa 1200 alunni rimarranno a casa nei prossimi giorni, almeno fino a quando la situazione non sarà tornata alla normalità. I danni sono ingenti, ci vorrà del tempo, la situazione è più difficile di quello che si possa pensare”.

Si è fatta qualche idea su chi possa aver commesso un’azione del genere e soprattutto sul perché l’abbia commessa?

Ci sarebbe da parlare a lungo, ma a me personalmente sembra chiaro che si tratti di un episodio legato alla camorra, di un evento di stampo camorristico. Il modus operandi di quanto accaduto è chiaramente quello camorristico, purtroppo. Tutti sappiamo che in questa zona è molto presente un clan camorristico, e temo che purtroppo tal episodio sia riconducibile a esso. Fortunatamente l’incendio è stato domato dai vigili del fuoco, altrimenti i danni, già ingentissimi, sarebbero stati davvero incalcolabili. Non so chi sia stato, so solo che questi incendi creeranno psicologicamente forti problemi per le scuole di Pozzuoli, ed è veramente un peccato”.

Preside, pensa che si sarebbe potuto fare qualcosa di più per evitare tal evento o comunque per scoprire chi sia stato l’autore materiale di questa terribile azione?

Certamente sì, nel senso che sono almeno tre anni che chiediamo invano delle telecamere di videosorveglianza alla Provincia di Napoli. Sarebbero state molto utili. Avrebbero potuto catturare informazioni essenziali sulla dinamica del fatto o addirittura sugli autori dell’incendio. Ma si sa che spesso in Italia, affinché le cose comincino a funzionare come dovrebbero, deve accadere qualcosa di brutto. E qualcosa di brutto ora è successo, e sono sicuro che le telecamere di videosorveglianza arriveranno presto”.

Ci sono ancora tante domande e tanti dubbi attorno a questa tristre vicenda, che pare però essere di stampo camorristico. Ancora non si sa chi sia stato a dare alle fiamme queste due scuole, il liceo artistico Majorana e la scuola elementare Diaz, e nemmeno si sa nulla sulle motivazioni di tale simile gesto.

Le parole del Preside Riccardo Goll ci fanno capire come forse si poteva fare qualcosa in più: ad esempio installare alcune telecamere di videosorveglianza, chieste invano da anni dalle scuole in questione alla Provincia di Napoli; e ci fanno capire come purtroppo ci vorrà del tempo prima che la situazione torni alla normalità, dato che i danni alle scuole sono stati ingenti. Le indagini faranno il loro corso.

Google+
© Riproduzione Riservata