• Google+
  • Commenta
22 marzo 2013

Biocloud Search. Nasce Biocloud search engine all’Unica: il Google della ricerca genetica

Università di Cagliari – Biocloud Search Engine – Il Google della ricerca genetica

Nasce  da un progetto dell’Università di Cagliari un avveniristico motore di ricerca destinato alla genetica.

Si chiama Biocloud search engine questo “Google della genetica” ed è stato realizzato da tre studenti sardi, Emanuele Pascariello, biologo, Fabrizio Loddo, informatico, e Gabriele Milia, dottorando in informatica.

Dall’homo sapiens all’uomo degli anni Zero. Il Biocloud search engine, un motore di ricerca consente, inserendo ad esempio il nome di un gene, Serpina 3, di trovare tutte le informazioni e le correlazioni tra questo e gli altri geni. La genetica sembra incidere sulla longevità per un 20-25% quindi ci sono altri fattori che regalano gli anni, a cominciare dall’esercizio fisico, il clima sociale, le tradizioni, lo stile di vita e alimentare.

Dagli eschimesi ai tuareg, tutti i geni dell’umanità a portata di medici e scienziati con Biocloud Search. In qualsiasi momento: senza doverli rintracciare in diverse biblioteche informatiche di settore. Il lavoro di assemblaggio dei dati è stato realizzato da tre studenti sardi, Emanuele Pascariello, biologo, Fabrizio Loddo, informatico, e Gabriele Milia, dottorando in informatica.

Coordinati da una docente, la professoressa Nicoletta Dessì, hanno creato il “Google” della genetica, Biocloud search engine.

Si chiama Biocloud search engine ed è un motore di ricerca che consente, inserendo ad esempio il nome di un gene, Serpina 3, di trovare tutte le informazioni e le correlazioni tra questo e gli altri geni. Uno strumento importante per la medicina e la ricerca, basti pensare agli studi sulla longevità.

Ma è soltanto uno dei possibili utilizzi di Biocloud search engine. L’applicazione è stata presentata oggi nella sede dell’Universita di Cagliari nel corso dell’illustrazione finale dei progetti del primo master di secondo livello in bioinformatica istituito dall’ateneo del capoluogo in collaborazione con Regione, Crs4 e Sardegna Ricerche.

Venti studenti hanno partecipato al corso: 440 ore di didattica e casi studio, 350 di tirocinio, 660 di studio individuale e 50 dedicate alla redazione del ‘project work’ finale anche con il contributo di università e istituti di ricerca italiani ed esteri.

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy