• Google+
  • Commenta
21 maggio 2013

Progetto Liszt. Concerto Liszt all’Università di Modena e Reggio Emilia

Università degli Studi di MODENA e REGGIO EMILIA – La Fondazione Marco Biagi dell’Università degli studi di Modena e Reggio Emilia ospita il concerto F. Liszt, Eine Symphonie zu Dante’s Divina Commedia dedicata a Richard Wagner con letture da <La Divina Commedia> di Dante Alighieri e proiezione di illustrazioni di Gustave Doré”promosso dall’Associazione culturale “Amici della Musica. Il raccolto della serata in programma sabato 25 maggio 2013 andrà interamente destinato al Comune di Mirandola a sostegno di un progetto di rinascita culturale della cittadina danneggiata dal sisma di maggio 2012.

La Fondazione Marco Biagi dell’Università degli studi di Modena e Reggio Emilia, assieme al Comune di Mirandola, sostiene l’iniziativa “Musica per ricostruire l’Emilia” dell’Associazione Culturale “Amici della Musica” di Mirandola, ospitando un concerto, il cui ricavato sarà devoluto in beneficienza al Comune di Mirandola.

L’evento culturale F. Liszt, Eine Symphonie zu Dante’s Divina Commedia dedicata a Richard Wagner con letture da <La Divina Commedia> di Dante Alighieri e proiezione di illustrazioni di Gustave Doré si terrà sabato 25 maggio 2013 alle ore 21.00 presso l’Auditorium della Fondazione Marco Biagi (Largo Marco Biagi, 10) a Modena. L’opera eseguita è la Sinfonia sulla Divina Commedia del compositore F.Liszt nella versione originale del 1856 per due pianoforti, coro femminile e di fanciulli. Nella prima parte sarà eseguito l’Inferno e nella seconda il Purgatorio e Magnificat.

Il concerto Liszt che unisce musica, letteratura, recitazione, canto, arti visive e computer, non ha scopo di lucro ed il ricavato andrà interamente devoluto in beneficenza al Comune di Mirandola a sostegno di un progetto di rinascita culturale della cittadina danneggiata dal sisma di maggio 2012. Gli artisti, i musicisti, la Fondazione Marco Biagi hanno tutti messo a disposizione la propria disponibilità per poter destinare tutto il ricavato alla realizzazione del progetto.

L’evento Liszt, che ha ricevuto il contributo di Unicredit Banca, non ha solo scopo benefico, bensì anche culturale-educativo. Infatti, la mattina in anteprima il concerto sarà proposto per gli studenti delle scuole superiori di Modena e sarà preceduto da una lezione introduttiva.

La manifestazione, che gode della collaborazione dell’Ufficio Scolastico Provinciale di Modena, del Comune di Modena e dell’Associazione Corale “G.Rossini” di Modena, è aperta a tutti i cittadini che si vorranno unire nel sostegno al progetto di recupero del Comune di Mirandola.

L’ingresso costerà 15,00 euro a persona e la prevendita dei biglietti è attiva presso la Reception della Fondazione Marco Biagi dalle ore 9.00 alle ore 12.00 fino a venerdì 24 maggio 2013.

Nota sull’opera

Una miscela così suggestiva di arti diverse, ovvero musica, letteratura, canto, recitazione, arti visive e computer grafica, non può passare di certo inosservata, specialmente quando si parla di nomi come Dante Alighieri o Franz Liszt. Non si tratta di un normale concerto musicale, ma di una vera e propria “unione di arti”. La Divina Commedia si colloca, a comune giudizio degli eruditi, nel novero delle più grandi creazioni dello spirito umano. Un’ammirazione che mai venne meno, ma crebbe con il passar dei secoli, uguaglia questa opera poetica, unica nella sua specie, alle più belle e più sapienti di ogni età e di ogni popolo. Ma se tanti tentarono di musicare questo o quel quadro del poema dantesco, nessuno ritraeva con fondamentale ed unita consonanza tutta l’opera, poiché questa sembrò forse un’impresa soverchiamente ardita ed impossibile. Tale però non parve a Franz Liszt, che con grande forza d’animo diede vita ad un progetto così gigantesco, ovvero di ritrarre con una sola sinfonia tutta l’idea della Divina Commedia, poiché egli colse l’essenziale di questa: il cosiddetto “bello etico” formante il nucleo del divino poema, lasciando da parte azioni drammatiche o dottrine filosofiche, che nel dantesco edificio sono ornamenti, ovvero parti integranti della sua bellezza, ma non parti essenziali al concetto fondamentale. Più di ogni altro genere musicale una Sinfonia incarna, con il suo crescente svolgimento, quel religioso bisogno, comune a tutti gli uomini di ogni tempo e di ogni nazione, di cercare un raffinamento progressivo del cuore, implorando, con sempre più calda preghiera e interminata aspirazione dell’anima, una benigna forza celeste di un Essere immenso ed infinito.

Google+
© Riproduzione Riservata