• Google+
  • Commenta
13 giugno 2013

Ersu Palermo. Parte il Contact Center Ersu al servizio degli studenti universitari

Università degli Studi di PALERMO – ERSU: parte il “Contact-center” al servizio degli studenti universitari

L’ERSU di Palermo da oggi, giovedì 6 giugno 2013, attiva il servizio “Contact-center – ERSU risponde”, curato dall’Ufficio Orientamento dell’ente con l’obiettivo di migliorare e potenziare la comunicazione diretta con l’utenza, introducendo l’uso di nuovi strumenti tecnologici semplici, immediati e a costo zero: posta elettronica, help desk, skype (per avere riscontro alle richieste in tempo reale).

Il servizio “ERSU Risponde” consentirà all’utente di inoltrare agli uffici dell’ERSU: 1) richieste di chiarimenti su aspetti normativi o procedimentali collegati al diritto allo studio universitario; 2) richieste di informazioni sui servizi erogati dall’ente o sulle proprie pratiche; 3) prenotazioni di appuntamenti con i funzionari dell’Ente; 4) segnalazioni di problemi di vario tipo (help desk) collegati all’erogazione dei servizi di competenza dell’ente.

“L’iniziativa – dichiara il commissario dell’ERSU, Giuseppe Amodei – rientra nell’ottica di una pubblica amministrazione moderna, efficiente e al servizio del cittadino, attenta alla vera razionalizzazione e riduzione dei costi”.

Il “Contact-center” dell’Ersu fa parte dei piani di informazione e di comunicazione dell’ente che già mette a disposizione degli studenti il sito internet che consente di partecipare al bando di concorso per i benefici (borse di studio, alloggi e servizio mensa) attraverso una procedura di registrazione e accettazione online.

Sul sito Ersu c’è anche la Web ERSURadioTv che rende possibile visitare alloggi e mense, oltre che essere informati in modo multimediale sui servizi erogati e le iniziative.

L’ente è presente anche nei social network (facebook e twitter) dove è seguito da circa diecimila utenti. Altro strumento utilizzato per informare gli studenti è la newsletter che viene inviata con cadenza settimanale a circa 22mila studenti che ne hanno fatto richiesta.

Google+
© Riproduzione Riservata