• Google+
  • Commenta
16 maggio 2017

Materie maturità 2017: tracce seconda prova esame di stato, come prepararsi

Materie maturità 2017

Materie maturità 2017

Ecco quali sono le materie maturità 2017: tracce della seconda prova scritta dell’esame di stato di quest’anno,  date e consigli su come preparasi!

Tra poco più di un mese avrà inizio l’esame di maturità 2017. Gli studenti del quinto anno delle scuole superiori dovranno cimentarsi nello svolgimento delle tre prove scritte e del colloquio orale che definiranno il voto del diploma.

Si inizia con la prima prova scritta, ossia il tema di italiano. Il Miur distribuirà le  stesse tracce in tutti gli istituti. I maturandi di licei, istituti tecnici e professionali si confronteranno con le diverse proposte selezionate dal Miur per lo svolgimento di una delle quattro tipologie di tema possibili.

Per il compito di italiano gli studenti possono decidere se fare l’analisi del testo, il saggio breve o articolo di giornale. Ma la scelta è anche tra tema storico e tema di attualità.

La situazione cambia completamente per il secondo compito scritto degli esami di Stato. A scegliere le tracce della seconda prova è sempre il Miur. Ma in questo caso gli svolgimenti saranno diversi per ogni indirizzo di studi. Le materie maturità 2017 sono state indicate dal Ministero lo scorso 30 gennaio. La scelta era tra le possibili materie caratterizzanti di ciascun indirizzo di studio.

Il Ministro dell’Istruzione Valeria Fedeli ha svelato su quali saranno le materie della seconda prova attraverso un breve video sulla pagina Facebook MiurSocial. Per gli esami di quest’anno non ci sono state particolari sorprese. In alcuni casi è stata rispettata l’alternanza tra due possibili materie caratterizzanti, come per il liceo classico. I maturandi del classico lo scorso anno hanno tradotto la versione di greco. Mentre quest’anno sarà la volta della versione di latino.

Materie maturità 2017: quali sono le materie e tracce della seconda prova scritta d’esame

Manca ormai pochissimo ad uno degli appuntamenti più temuti dagli studenti: quello con l’esame di maturità. Gli ultimi cinque anni di studi saranno sintetizzati in un unico voto. Quest’ultimo sarà deciso tra poco più di un mese da una commissione di professori e docenti.

Il primo appuntamento è quello con il tema di italiano. La prima prova è la meno temuta dagli studenti. Infatti, se alcune delle tracce sembrano troppo difficili, come quella dell’analisi del testo o del tema storico, si può sempre ripiegare sul tema di attualità. Il Miur, infatti, in questo caso sceglie sempre tematiche abbastanza popolari che, in genere, vengono spesso affrontate da giornali e televisioni.

Diversa, invece, è la situazione per la seconda prova. Gli studenti dovranno cimentarsi nello svolgimento di problemi, temi e quesiti o esercizi attinenti il proprio percorso formativo. A scegliere le materie maturità della seconda prova è il Ministero, che le ha cominciate lo scorso gennaio.

Per il liceo classico è stato scelto il Latino. Mentre allo scientifico è uscita nuovamente matematica. La traccia delle seconda prova 2017 sarà in Lingua straniera 1 per il linguistico. Mentre gli studenti dell’istituto alberghiero, settore enogastronomia, dovranno mettersi alla prova con Scienze dell’alimentazione. Com’era prevedibile, i maturandi dell’istituto tecnico AFM, ex Ragioneria, dovranno risolvere esercizi di Economia aziendale. Mentre tra le materie della seconda prova dell’istituto tecnico in Costruzioni, ambiente e territorio è stata scelta Topografia. Per conoscere poi tutte le altre materie, basta utilizzare l’apposito motore di ricerca creato dal Ministero.

Come preparasi sulle materie maturità 2017: consigli dei commissari

Mercoledì 21 giugno è la data della prima prova degli esami di Stato. Segue poi giovedì 22 giugno, giorno della seconda prova scritta. Ed infine, lunedì 26 giugno si terrà il terzo ed ultimo scritto degli esami di maturità. E’ scattato quindi il conto alla rovescia per gli oltre 500 mila maturandi. Da quando sono state svelate le materie maturità della seconda prova e quelle dei commissari esterni, gli studenti hanno dato inizio ad uno studio mirato.

In ogni caso, per arrivare preparati al giorno d’esame, possono tornare utili alcuni consigli per le prove scritte e l’orale dell’esame di maturità. In generale, non ci sono trucchi, segreti o stratagemmi particolari per avere un buon voto d’esame. Bisogna semplicemente studiare. Ma anche avere una certa sicurezza di se, come ricorda  Nicola Ienco. ” L’obiettivo dei commissari interni ed esterni deve essere sempre mirato a far emergere il grado di maturità dell’individuo che si sta esaminando.”

Agli studenti, che da tempo hanno appreso le materie maturità 2017, si ricorda che “Dell’esame non ci si deve ricordare all’ultimo momento. Ma ci si deve cominciare a pensare qualche anno prima. L’esame, in pratica, comincia già dal terzo anno dei “superiori”. Anche perchè la media andrà direttamente ad incidere sul suo voto finale.  E’ molto importante, perciò, preparare con cura il “percorso”.  E’ importante mostrare alla Commissione un senso di sicurezza, che non deve mai sconfinare nella spavalderia. Bisogna essere invece tranquillo e riflessivo, mai precipitosi nelle risposte. E se si becca la domanda infame, è bene pensare che tutte le situazioni sono recuperabili, anche con un po’ di faccia tosta e presenza di spirito.

Superare le prove scritte “è una questione di concentrazione unita ad una buona preparazione. Ma ci si concentra solo se si è sereni e rilassati“.

Google+
© Riproduzione Riservata