• Google+
  • Commenta
24 Gennaio 2019

Come funziona la fatturazione elettronica: guida agenzia delle entrate

Come funziona la fatturazione elettronica
Come funziona la fatturazione elettronica

Come funziona la fatturazione elettronica

Cos’è e come funziona la fatturazione elettronica: emissione, trasmissione e conservazione delle fatture attraverso un nuovo sistema digitale diventano obbligatorie nel 2019. Ecco la guida dell’agenzia delle entrate.

Cambiano le regole per la compilazione, l’invio e la ricezione delle “e-fatture”. Il portale dell’Agenzia delle Entrate articola in diverse voci il funzionamento della normativa, la prassi, le regole tecniche.

Ma come funziona la fatturazione elettronica dal 2019? quando entra in vigore? E’ obbligatoria? Quando si considera emessa una fattura? Può essere rifiutata? Per chi è obbligatoria? Serve la firma digitale? Serve il cassetto fiscale? Come funziona tra privati cittadini che la utilizzano?

Come si compila? Queste le domande a cui risponderemo oggi per comprendere a fondo come funziona la fatturazione elettronica. 

Per diversi anni la fattura è stata compilata in diversi modi, a penna, con programmi di scrittura. Compilata dal fornitore e spedita al cliente via posta, e-mail doveva essere conservata per almeno dieci anni. Oggi, grazie al sistema di interscambio (SDL) la compilazione avviene tramite un software di fatturazione elettronica. 

Come funziona la fatturazione elettronica e chi è obbligato: guida Agenzia delle Entrate PDF

Guida fattura elettronica e servizi gratuiti Agenzia delle Entrate <<< scarica

Abbiamo visto come in questi anni ha funzionato il sistema delle fatture e come sta cambiando. In un primo momento questo sistema è stato introdotto per la Pubblica Amministrazione. Ma oggi che il funzionamento si è ampliato anche ai privati, per chi è obbligatoria? come funziona? quanto costa? è obbligatorio avere un commercialista?

Grazie al sistema di interscambio (SDL) la fattura viene:

  • compilata tramite un software di fatturazione elettronica;
  • firmata digitalmente da chi deve emettere fattura;
  • inviarla al destinatario tramite il Sistema di Interscambio;
  • Dopo i controlli tecnici automatici, il sistema provvede a recapitare il documento alla Pubblica Amministrazione o al soggetto privato a cui è indirizzato;
  • bisogna poi conservarla.

Il metodo di compilazione più facile è farlo tramite un software di fatturazione. La procedura per fatturare è sempre la stessa, redigere la fattura con i dati esatti ed inviarla, ma invece di inviarla a mezzo mail bisognerà creare un file XML FatturaPA.

Ma come possiamo identificare il nostro cliente

Ancora non è chiaro quale sarà l’identificativo del cliente in questo sistema, mentre per la pubblica amministrazione l’identificazione avviene tramite “codice univoco”, per i privati, molto probabilmente, l’identificativo è il codice fiscale. 

E chi è obbligato alla fatturazione elettronica?

Tutti. Ogni professionista è obbligato ad emettere fattura tramite il sistema interscambio. Anche per i privati che non hanno partita IVA. Se la fattura viene emessa da un medico nei confronti del paziente (persona fisica senza partita IVA) è necessario, anche qui procedere con l’invio telematico delle prestazioni sanitarie al Sistema TS.

Nel caso di emissione di fattura ad un privato che non ha partita IVA, la normativa dice che dovrai consegnare al tuo cliente una copia cartacea della fattura oppure inviarla via mail in formato digitale.

Sanzioni per omissioni di funziona la fatturazione e chi è esentato

Abbiamo visto cos’è e come funziona la fatturazione elettronica, chi è obbligato a emetterla e qual è il procedimento, ma esistono delle sanzioni? se vi è un’emissione tardiva cosa succede? ci sono sanzioni per chi non fa fattura?

Per il primo semestre del 2019, chi emette fattura in ritardo non riceverà alcuna sanzione. I primi mesi, generalmente, essendo di rodaggio permettono di avere delle regole più elastiche. Ma trascorsi i sei mesi? Cosa succede?

In particolare, l’articolo 10 del DL 119/2018 prevede che:

  • non si applicano se la fattura è emessa con le modalità di cui al comma 3 entro il termine di effettuazione della liquidazione periodica dell’imposta sul valore aggiunto ai sensi dell’articolo 1, comma 1, del d.p.r 100/1998; 
  • si applicano con riduzione dell’80 per cento a condizione che la fattura elettronica sia emessa entro il termine di effettuazione della liquidazione dell’imposta sul valore aggiunto del periodo successivo.”

A partire dal 1° luglio 2019 però le sanzioni tornano ad essere applicate secondo i medesimi meccanismi:

  1. per tardiva emissione della fattura (riguarda gli errori e le omissioni che non incidono sulla determinazione e sul pagamento del tributo. Il ravvedimento relativo a tali infrazioni esclude l’applicazione delle previste sanzioni se la regolarizzazione interviene entro tre mesi dall’omissione o dall’errore).
  2. per omissione della fattura (riguarda l’omissione della registrazione delle fattura entro i termini imposti dalla legge. Qualora il contribuente non provvedesse all’emissione e non rimedia tramite il “ravvedimento operoso”, il professionista è sanzionato con una multa che va dal 100 al 200% dell’imposta non fatturata).

Come funziona la fatturazione elettronica, chi è esentato

Abbiamo visto che tutti i professionisti devono emettere fattura elettronica, anche i medici, nei confronti di pazienti che non possiedono partita IVA, ma chi è esentato?

Beneficiano dell’esonero le imprese e i lavoratori autonomi che rientrano nei regimi agevolati esonerati dall’applicazione dell’imposta:

  • Regime di vantaggio (di cui all’articolo 27, commi 1 e 2, D.L. 98/2011, convertito, con modificazioni, dalla 111/2011);
  • Regime forfettario di cui all’articolo 1, commi da 54 a 89, L. 190/2014.

In tal senso è bene sottolineare che regime di vantaggio e forfettario sono esonerati dall’obbligo di fatturazione elettronica, ma nulla vieta loro di usare la e-fattura.

Ecco cos’è e come funziona la fatturazione elettronica da gennaio 2019. Ecco quali saranno i provvedimenti per chi non rispetta le regole e chi è esente dalla e-fattura.

Video tutorial fattura elettronica: come funziona, guida agenzia delle entrate

Google+
© Riproduzione Riservata