• Google+
  • Commenta
21 Giugno 2019

Saldi estivi 2019: date degli sconti estate e calendario per regione

Saldi estivi 2019
Saldi estivi 2019

Saldi estivi 2019

Ecco quando iniziano i saldi estivi 2019 con il calendario regione per regione: date e tutti  i consigli su come affrontare al meglio lo shopping estivo ed evitare le truffe.

L’estate è appena iniziata ed è subito tempo di sconti per i capi di fine stagione! Non aspettano altro le appassionate di shopping, ma non solo. In tanti si lasciano tentare dalla voglia di rinnovare il proprio guardaroba approfittando di sconti e prezzi stracciati.

Che sia nei negozi, nei centri commerciali, sono tante le opportunità per comprare a buon prezzo. Per chi invece è pigro e non vuole affrontare il caldo e le lunghe file dei negozi, quale modo migliore sen non lo shopping online, stando comodamente seduti sul divano!  Sono specialmente i più giovani, sempre connessi allo smartphone, che si affidano alle app dei loro brand preferiti per comprare con un semplice click.

Per chi ama lo shopping tradizionale, invece, gli sconti restano un’occasione per trascorrere qualche ora di relax e perchè no, concedersi un meritato regalo. Nonostante la crisi economica. i prezzi scontati infatti rappresentano sempre un importante giro di affari per l’economia. Molto spesso le famiglie italiane, anche quelle più numerose, aspettano proprio questo momento dell’anno per comprare abbigliamento, calzature o accessori. Tanti poi aspettano gli sconti  per affrontare spese più impegnative, ad esempio oggetti elettronici  o grandi elettrodomestici.

Quando iniziano i saldi estivi 2019: calendario con date inizio e fine per regione in PDF

Nonostante l’estate 2019 si sia fatta attendere, mancano davvero pochi giorni all’inzio dei saldi estivi 2019. Finalmente si conoscono le date di inizio dei saldi e la loro durata che non sono sempre le stesse, ma cambiano a seconda della regione. Per tutte si inizierà nella prima settimana di luglio. In alcune regioni dureranno fino a metà settembre, come in Sicilia, mentre in altre ad agosto. Le regioni che daranno il via alla stagione dello shopping saranno la Sicilia e la Liguria , dove inizieranno il 1 luglio.

Il 2 luglio toccherà alla Basilicata, mentre il 5 luglio cominceranno i saldi nella Provincia Autonoma di Bolzano.  Per tutte le altre regioni, Abruzzo , Lombardia,  Molise, Calabria, Basilicata, Campania, Marche, Emilia Romagna,Friuli Venezia Giulia, Lazio, Piemonte, Puglia, Sardegna,Trentino Alto Adige, Toscana, Veneto, Umbria ,Valle D’Aosta, la data di inizio sarà il 6 luglio. 

Attesa quasi finita quindi  per tutte  le shopping addicted che da mesi stanno tenendo d’occhio i capi più costosi da acquistare a prezzi stracciati, ma vediamo insieme come arrivare preparati ad affrontare al meglio lo shopping e riconoscere le truffe, comprando consapevolmente.

Consigli per acquistare durante gli sconti di fine stagione

Va bene fare acquisti un po’ pazzi durante i saldi estivi, ma occhi aperti alle possibili fregature! Nonostante i controlli e le segnalazioni, può sempre capitare di imbattersi in qualche negoziante disonesto. Per questo motivo ogni anno, le associazioni dei consumatori ribadiscono i loro consigli utili per non essere truffati durante i saldi estate.

Innanzitutto è bene darsi un budget per acquistare consapevolmente beni di cui abbiamo realmente bisogno. Un altro consiglio utile è quello di passare in rassegna vetrine e negozi dove pensiamo di spendere e dare una rapida occhiata ai prezzi. Questo vi aiuterà a capire se il commerciante avrà realmente applicato il giusto sconto. Ogni commerciante ha l’obbligo di esporre sui prodotti il prezzo originale e quello scontato, ma non di rado qualcuno riesce a fare il furbetto e a raggirare la legge. In generale, poi, bisognerebbe diffidare dagli sconti che superano il 50%. Un’altra buona regola per non essere truffati è quella di comprare solo in negozi che già conosciamo e che godono quindi della vostra fiducia. Se vi capita di imbattervi in qualche negoziante disonesto, non esitate a contattare le associazioni dei consumatori o se siete stati realmente truffati, rivolgetevi sempre alla Guardia di Finanza.

Google+
© Riproduzione Riservata