The New Pope venerdì 7 Febbraio 2020: anticipazioni e trailer, recensione ultimi episodi

Daniela Attanasio 5 Febbraio 2020

Ecco cosa succede nella prossima puntata di The New Pope di venerdì 7 Febbraio 2020: anticipazioni e trailer ultimo episodio finale della serie di Paolo Sorrentino, in onda su Sky Atlantic Venerdì 7 Febbraio 2020.

The New Pope, la fortunatissima serie tv di Paolo Sorrentino, è giunta alle battute finali. Sono molte le emozioni che questa stagione ci ha regalato nelle ultime due puntate. In primis, il ritorno di Jude Law nei panni di Pio XIII, che finalmente si sveglia dal coma. Al suo risveglio la moglie del medico che lo ha assistito durante il coma gli chiede un miracolo: guarire il figlio gravemente malato. Il settimo episodio, che a Settembre 2019, è stata presentata al Festival del cinema di Venezia, è incentrata interamente sulla figura di Lenny Belardo.

Un’altra notizia che scuote il Vaticano è un attentato da parte degli islamisti. Questa, però, è solo l’ennesima notizia in un clima già di per sé surreale.

Difatti, nell’ultimo episodio il papa in carica, Giovanni Paolo III, dopo aver abbandonato la l’intervista in diretta nazionale, si rifugia sulle Dolomiti. Sarà solo l’intervento di Sofia a farlo tornare sui suoi passi. Un attacco terroristico è una delle principali preoccupazioni anche nella realtà, fortunatamente mai divenuto realtà. Qui il docente di lingua inglese dell’Unisa Michele Ingenito fa il punto della situazione sul terrorismo islamico in Occidente.

Anticipazioni The New Pope venerdì 7 Febbraio 2020: spoiler, incontro dei due papi

L’intera serie ci ha condotto a questo momento cruciale, ossia l’esistenza di due papi. Uno è il papa “emerito”, ma che non ha scelto volontariamente di abbandonare il suo ruolo. Dopo essersi svegliato dal coma, decide di fare ritorno a Roma, ma in sordina. L’unico suo alleato è il cardinale Voiello (Silvio Orlando). Dall’altra parte, c’è John Brannox (John Malkovich), che ha volutamente deciso di ritirarsi in una sorta di rifugio spirituale. Qui, l’intervento di Sofia serve anche a liberarlo di un peso che porta sulle spalle da anni: la morte del fratello gemello. Scopriamo, infatti, che sulle piste da sci il giovane Brannox ha lasciato morire Adam, a causa dell’eroina che aveva in corpo. Questa rivelazione costituisce un ulteriore elemento della confidenza ormai raggiunta tra i due, sempre più vicini.

Nell’ultimo episodio, seguendo la trama, un gruppo di terroristi prenderà in ostaggio un prete e sei studenti nell’isola di Ventotene. Da questo evento finalmente i due papi avranno il tanto agognato confronto.

Sorrentino: genio indiscusso o regista atipico della serie?

Uno dei aspetti che emerge guardando la serie The New Pope, è la capacità di mettere in scena le emozioni di Paolo Sorrentino. Da sempre predilige un punto di vista atipico, rispetto a altri registi. Ad esempio, la notizia dell’attentato a Roma non viene mostrata mai esplicitamente, ma ne prendiamo atto solo grazie alle news al tg, sui giornali. Ciò su cui pone l’accento è il contorno, la reazione all’attentato, non l’attentato stesso.

Così, anche per quanto riguarda il risveglio di Lenny Belardo, c’è una forte simbologia sottesa. Idolatrato dalla folla, egli non è altro che un comune essere umano. Celebre, infatti, è la scena di Pio XIII in apertura che sfila in costume circondato da giovani donne avvenenti.

Quando la moglie del medico che lo ha assistito durante il periodo di coma gli chiede di salvare il figlio gravemente malato, si rende conto di non poter fare altro che pregare. Quindi, non fa niente in più rispetto a ciò che fanno gli altri esseri umani. Nonostante il suo risveglio venga visto come una sorta di resurrezione, lui non è in grado di fare altrettanto per gli altri. Ed è in sostanza, ciò che Paolo Sorrentino voleva dimostrare, ossia il diritto alla fragilità. L’essere vulnerabile non deve essere considerato come un aspetto negativo, bensì un punto di forza.

Trailer The New Pope di venerdì 7 Febbraio 2020

© Riproduzione Riservata
avatar Daniela Attanasio Laureata in traduzione specialistica con la passione per la fotografia, mi occupo della redazione di articoli aventi come argomento le serie TV, da sempre mie fedeli compagne di vita. In particolare, prediligendo serie TV anglofone, mi focalizzo sulle recensioni di serie che hanno segnato la storia della televisione e di fornire anticipazioni di nuovi episodi dando succulenti spoiler al telespettatore più curioso.Oltre a migliorare le competenze linguistiche, spesso le serie TV danno dei veri e propri insegnamenti di vita.Il mio obiettivo è quello di scorgere la bellezza ovunque si trovi, anche in una serie TV Leggi tutto