Bonus ristrutturazione 110 %: come funziona e lavori ammessi

Mario Ragone 29 Maggio 2020

Come funziona il bonus ristrutturazione 110%: lavori ammessi, quando e come richiederlo, come usufruire del superbonus per l'edilizia 2020.

Grazie al decreto Rilancio sono state varate numerose misure economiche per la ripresa post Covid-19. I cittadini alle prese con le ristutturazioni edilizie, possono contare su diverse agevolazioni fiscali: Bonus Casa, Ecobonus, Sisma Bonus, Bonus Facciate, sono soltanto alcune delle novità che possono aiutare chi vuole ristrutturare casa e conta su aiuti dello Stato.

Tra questi vi è anche l’incentivo che riguarda l’edilizia 2020, ma ci sono solo alcuni lavori ammessi per la casa. Ma nel dettaglio il bonus ristrutturazione 2020 come funziona?

Quali lavori in proprio o fai da te sono ammessi? O ancora, cos’è il superbonus 110%? Dove fare la domanda?

Andiamo allora a chiarire questi aspetti legati al bonus ristrutturazione casa (prima casa o seconda casa) servendoci del parere di un esperto, il Temporary Manager Antonio Ansalone. Insieme a quest ultimo faremo una disamina piùttosto dettagliata delle caratteristiche del suddetto incentivo.

Oggetto del nostro focus sarà per tanto anche il come richiedere o accedere al bonus ristrutturazione e i requisiti per ottenerlo. Uno strumento fondamentale per permettere un’adeguata conformità delle abitazioni al contesto post Coronavirus. In tale ottica rifletteremo anche sugli ecobonus e sismabonus, elementi direttamente connessi al superbonus 110%.

Come funziona il bonus ristrutturazione 110 % in Decreto Rilancio: quali lavori sono ammessi

E’ stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il Decreto Rilancio ( legge 19 maggio 2020, n. 34.) che introduce l’aliquota di detrazione nella misura del 110% delle spese sostenute tra il 1° luglio 2020 e il 31 dicembre 2021 per specifici interventi. Il sussidio sulla ristrutturazione rientra tra le forme d’incentivo presenti nel dl Rilancio. Il governo, infatti, all’interno del DL Rilancio n.34 ha inserito una serie di misure necessarie per la ripresa economica post Covid-19. L’emergenza sanitaria ha toccato non solo le vite umane ma anche il sistema economico, ponendo entrambe in una condizione di grave crisi. In tal senso agiscono come strumenti d’agevolazione fiscale i sopracitati bonus.

Quello che riguarda l’edilizia, permetterà a chi ne usufruirà, di conformare gratuitamente le proprie abitazioni ad uno standard idoneo di sicurezza. Non a caso si parla di sismabonus ed ecobonus, i quali a loro volta chiamano in causa il superbonus 110%. Ad esempio, se si vuole cambiare gli infissi della propria abitazione bisogna agganciare tale intervento ad uno a sfondo energetico per ottenere la detrazione. Inoltre per sfruttare l’agevolazione in questione, ci sono dei limiti, come dimostrare che l’edificio oggetto della ristrutturazione abbia migliorato la propria classe energetica (di almeno 2 livelli). Per farlo bisogna procurarsi l’Attestato di Prestazione Energetica (Ape) rilasciato da un tecnico abilitato.

Per il bonus ristrutturazioni 2020 i lavori ammessi sono:

  • interventi di isolamento termico con incidenza superiore al 25%
  • sostituzione di impianti di climatizzazione con quelli centralizzati (annessa ad interventi energetici)
  • opere di messa in sicurezza sismica dell’edificio
  • installazione pannelli fotovoltaici (abbinata ad uno degli interventi di cui sopra)
  • realizzazione colonnine di ricarica veicoli elettrici abbinata a lavori strutturali

Domanda SuperBonus 110%: come e dove richiederlo

Spostiamo ora l’attenzione sul superbonus 110% cercando di capire come e dove richiederlo, se c’è una domanda da fare o uno sconto in fattura da chiedere. Per farlo ci siamo rivolti ad un esperto in materia economica, il Temporary Manager Antonio Ansalone:

Per quanto riguarda il super bonus, ci sono diverse novità: dopo una prima esclusione, è possibile utilizzare il bonus ristrutturazione 2020 alla seconda casa e sono previste dure sanzioni per chi rilascia documenti falsi. L’ecobonus al 110% è senza dubbio una buona notizia per i contribuenti, che potranno fare i lavori ammessi come quelli di risparmio energetico e di riduzione del rischio sismico gratis, vista la possibilità di cedere il credito alle imprese che hanno fatto gli interventi o alle banche. Questa possibilità, con il dl Rilancio viene data anche alle famiglie ed ai condomini. Tale agevolazione permetterebbe di fare i lavori in casa gratis fino al 2021″ – afferma il Manager Ansalone –

“Saranno coperte – continua – le spese sostenute in campo edile tra il 1° luglio e il 31 dicembre del 2021. Inoltre, si dimezzano i tempi per avere i rimborsi: 5 anni e non 10. In attesa del decreto attuativo, che permetterà l’entrata in vigore di questa misura, chi vorrà beneficiarne potrà nel frattempo iniziare la fase di progettazione”

Istruzioni bonus ristrutturazione 110 %: come funziona richiederlo

Proseguendo nella disamina del bonus ristrutturazione 110% vediamo ora come richiederlo grazie alle indicazioni fornite dall’esperto in materia, il Manager Ansalone:

Per ottenere le detrazioni fiscali relative al bonus ristrutturazioni e all’ecobonus è sufficiente indicare nella dichiarazione dei redditi i dati catastali dell’immobile. Se i lavori sono effettuati dal possessore, occorrono gli estremi di registrazione dell’atto che lo conferma e gli altri dati richiesti per il controllo della detrazione. Il contribuente che, pur avendone diritto, non ha usufruito dell’agevolazione in uno o più anni, nei successivi periodi d’imposta può comunque beneficiare della detrazione, indicando nella dichiarazione il numero della rata corrispondente”.

© Riproduzione Riservata
avatar Mario Ragone Sono Mario Ragone, redattore web con formazione in Comunicazione Audiovisiva e Mediale. Ho grande passione per il Social Marketing e l'informazione a 360°. Mi occupo, infatti, di argomenti di vario tipo che spaziano dalla Cultura come Cinema e Televisione all'Economia, dalla Medicina allo Sport fino al mondo di motori. Penso che avere un'idea su molteplici tematiche della nostra vita, ci permette di passare dall'una all'altra con grande versatilità mentale, una condizione questa che rende una persona libera nell'esprimersi, senza farsi fuorviare o condizionare. Capacità critica di discernimento ed autonomia di pensiero sono per me gli unici due elementi che ci rendono realmente liberi dalla schiavitù dell'ignoranza. Approfondisco le mie rubriche con intervento di esperti e professionisti del settore di cui scrivo. Leggi tutto