Sciopero benzinai: chiusi in autostrada dal 30 Novembre

Aniello Ianniello 23 Novembre 2020

Ultime notizie sullo sciopero dei benzinai che rimarranno chiusi in autostrada: quando inizia, quando termina, orari, modalità e motivazioni della protesta.

Il mese di Novembre si sta caratterizzando per le numerose manifestazioni di protesta. Oltre alle proteste del personale scolastico, del personale del trasporto pubblico locale e sanitario del 25 Novembre, anche per i benzinai sciopero e chiusura delle stazioni di servizio di notte e di giorno resta al momento l’unico modo per far valere le proprie motivazioni.

Il momento storico è delicato. La seconda ondata della pandemia di Covid-19 sta mettendo a dura prova la stabilità di molti settori economici. Secondo i dati, il prezzo del petrolio è in leggero aumento, dopo che a Marzo ha registrato un calo di prezzo mai visto prima.  Tuttavia, il settore è in crisi e i rivenditori chiedono tutele al governo.

Sciopero benzinai in autostrada chiusi dal 30 Novembre 2020: modalità e motivazioni

Dal 30 Novembre 2020 su tutto il territorio nazionale avrà luogo lo sciopero dei benzinai che operano sulle autostrade.

La protesta dei benzinai è stato indetto da Faib Confesercenti, Fegica Cisl e Figisc Anisa Confcommercio. In particolare, le associazioni che tutelano i rivenditori di carburante dichiarano l’insostenibilità dei costi fissi di gestione a fronte delle nuove norme emanate dal governo. Le leggi alle quali si fa riferimento sono i DPCM emanati dal governo per limitare la diffusione del contagio da Coronavirus.

Le associazioni lamentano che con queste nuove disposizioni sono calati i trasferimenti e la mobilità della popolazione. Ciò si traduce con una riduzione delle vendite e del fatturato per gli esercenti.

La modalità dello sciopero dei benzinai in autostrada prevede la chiusura delle stazioni di rifornimento lungo la linea autostradale italiana per tutta la durata della giornata.

Giorni e orari in cui sono chiusi i benzinai in autostrada

I disagi per la chiusura dei benzinai partiranno dalla conclusione del mese di Novembre.

In particolare, già dal 27 Novembre saranno sospese le aperture notturne dei distributori di carburante in autostrada. Da lunedì 30 Novembre saranno messe in atto le chiusure anche durante l’orario diurno.

I lavoratori incroceranno le braccia in segno di protesta fin quando il governo non si interesserà alle proposte espresse delle associazioni che tutelano i rivenditori di carburante sulle autostrade.

Protesta benzinai 30 novembre 2020: disagi per autisti e trasportatori

Con le pompe di benzina chiuse il 30 Novembre 2020, autisti e trasportatori che usufruiscono quotidianamente di questo servizio sono fortemente preoccupati.

Contro la protesta dei benzinai si è espresso Massimiliano Dona, presidente dell’Unione Nazionale Consumatori che sostiene “qualunque sciopero durante l’emergenza Covid è illegittimo”.

Dona ricorda che il disservizio annunciato, seppur comunicato in modo regolare, è contrario alla regolamentazione del settore che prevede la sospensione di proteste in caso di avvenimenti eccezionali di particolare gravità, facendo riferimento alla pandemia.

L’Unione Nazionale Consumatori ricorda agli utenti che, in caso di protesta, le stazioni di servizio in funzione sulle autostrada dovranno rimanere aperte in misura non inferiore ad una ogni cento chilometri. Per la rete della viabilità ordinaria dovrà essere mantenuto in servizio un numero di stazioni di rifornimento non inferiore al 50% degli esercizi aperti nei giorni festivi.

© Riproduzione Riservata
avatar Aniello Ianniello Ha 24 anni ed è neolaureato in Consulenza e Management Aziendale con il massimo dei voti. Ha passioni contrapposte, ma conciliabili: da una parte arde il fuoco verso i temi politici e l'economia, dall'altra parte è evidente un crescente interesse verso la musica e lo spettacolo. Ama definirsi un cittadino del mondo globalizzato e tecnologico, dove non esistono barriere culturali e sociali. Leggi tutto