• Boschetti
  • Tassone
  • Grassotti
  • Gnudi
  • Gelisio
  • Leone
  • Romano
  • Romano
  • Napolitani
  • Paleari
  • Cocchi
  • Quaglia
  • Mazzone
  • Andreotti
  • Valorzi
  • Ward
  • De Leo
  • Algeri
  • Meoli
  • Santaniello
  • Casciello
  • Rinaldi
  • di Geso
  • Pasquino
  • Rossetto
  • Cacciatore
  • Miraglia
  • De Luca
  • Alemanno
  • Bruzzone
  • Dalia
  • Bonetti
  • Crepet
  • Falco
  • Baietti
  • Buzzatti
  • Quarta
  • Barnaba
  • Scorza
  • Carfagna
  • Liguori
  • Coniglio
  • Catizone
  • Bonanni
  • Califano
  • Ferrante
  • Chelini

Lavorare in Ferrari: come fare, requisiti, candidatura e stipendio

Daniela Attanasio 21 Marzo 2021
D. A.
28/10/2021

Come fare per lavorare in Ferrari, opinioni dei dipendenti e stipendio, come inviare la candidatura spontanea, assunzioni, requisiti richiesti e le mansioni da svolgere.



Ferrari è un marchio, ma anche una vera e propria eccellenza made in Italy. Fondata nel 1947, dopo circa 20 anni dalla creazione della Scuderia Ferrari che gareggia nella Formula 1. Il suo fondatore è Enzo Ferrari e fu creata a Maranello, in provincia di Modena. Le auto Ferrari sono adatte soprattutto a chi ama le auto di sport d’alta fascia o di corsa. La sede principale si trova a Maranello, mentre quella legale a Modena. John Elkann è l’amministratore delegato ad interim, mentre Piero Ferrari, figlio di Enzo, è Vice Presidente di Ferrari S.p.A. dal 1988.

Nel 2020 Ferrari ha erogato un premio di competitività che ammonta a 7500 euro ad ogni dipendente. In un anno difficile come quello, i dipendenti sono addirittura aumentati del 6,3%. Inoltre, ad Aprile ha introdotto il programma Back on Track per rendere più sicuri i luoghi di lavoro promuovendo il benessere psicofisico. L’azienda eroga il servizio Centro estivo per i figli dei dipendenti e borse di studio per gli studenti più talentuosi.

In questo articolo si trovano informazioni su come lavorare in Ferrari con diploma o con la laurea, come inviare la propria candidatura spontanea. Indicazioni relativa ai requisiti di accesso per accedere a un colloquio Ferrari, opinioni e recensioni dei dipendenti e a quanto ammonta lo stipendio operaio Ferrari.

Come lavorare in Ferrari: Lavora con noi modulo e invio candidatura spontanea

Per entrare a far parte dell’azienda italiana che produce auto di lusso, il primo passo da seguire è accedere al portale ufficiale del marchio col Cavallino Rampante Qui si seleziona la voce Corporate ed infine l’opzione Carriere. Per lavorare in Ferrai la candidatura spontanea è certamente il primo step da eseguire, ed è anche il più semplice. I candidati che vogliono entrare a far parte di questa prestigiosa azienda possono compilare il modulo presente sul sito. È importante registrarsi inserendo un indirizzo email e una password.

Tra i valori ricercati dalla società c’è sicuramente lo spirito di squadra per collaborare in maniera attiva nel team. Nel processo di selezione si individuano prima le competenze e le qualità di successo dei candidati, poi, si richiede di dimostrare le proprie doti. In ultimo, ci sarà un fase di integrazione post – reclutamento.

In definitiva, per lavorare in Ferrari nuove assunzioni sono valutate secondo un preciso ordine: si parte dalla valutazione dei curriculum vitae e delle lettere motivazionali. Successivamente, i candidati selezionati dal database saranno invitati a un primo colloquio conoscitivo con gli specialisti delle risorse umane dell’azienda. Sono previsti anche colloqui via video nel caso in cui ci siano problemi di tempistica o di distanza. Nella fase 2 c’è il colloquio con i responsabili di settore. Questa fase prevede la somministrazione di test di valutazione individuali o collettivi e psicoattitudinali.

Nel caso siano ruoli di responsabilità, ci sono una serie di questionari dedicati, ma anche test specifici e prove di conoscenza della lingua inglese per i neolaureati o professionisti con esperienza. Nella quarta fase c’è la valutazione individuale e di gruppo, seguita da debriefing.

Requisiti per iniziare un lavoro in Ferrari, carriera e stipendio

I dipendenti della società ne condividono l’etica, avvertono un forte senso di appartenenza, sono intraprendenti e perseguono l’eccellenza. Inoltre, sono sempre attenti all’ambiente e puntano sulla redditività.

Per lavorare in Ferrari posizioni aperte da considerare so o molteplici, come pure le aree di inserimento. Ad esempio, per la figura di tirocinante nel settore manufacturing si richiede laurea magistrale in Ingegneria meccanica, gestionale o industriale. Bisogna avere passione per il settore automobilistico e aver avuto altre prime esperienze. Inoltre, bisogna pensare analiticamente, saper lavorare indipendentemente e ascoltare, oltre ad avere l’orientamento al cliente. In ultimo, si deve avere una ottima conoscenza del pacchetto di Microsoft Office (Word, Excel e PowerPoint) e della lingua inglese. La durata del tirocinio è di circa 6 mesi con un rimborso spese.

La posizione di Solution Architect richiede laurea a pieni voti in Ingegneria Informatica o Informatica, esperienza di cinque anni nel settore, capacità di analisi veloce e forti doti comunicative. Inoltre, è necessaria la conoscenza dell’inglese e dell’italiano a livelli eccellenti. La mansione prevede la creazione, mantenimento e l’evoluzione del design tecnico e dovrà “architettare” nuove soluzioni tenendo in conto le tendenze. Deve anche supportare il manager nella valutazione degli impatti tecnici.

Il Gruppo è sinonimo di eccellenza in tutti i settori, e quando i dipendenti raccontano di come sia lavorare in Ferrari, opinioni positive sono quasi scontate. Si cura ogni minimo dettaglio e tra gli aspetti positivi c’è sicuramente l’organizzazione dell’azienda. Le recensioni negative lamentano un salario basso e ritmi di stress elevati.

In fase di colloquio ai candidati è chiesto cose ci siano legami di parentela con altri dipendenti già presenti in azienda. In generale, l’azienda predilige i candidati che abitano a non più di 30 km di distanza dal luogo di lavoro.

Tra i benefit della Ferrari ci sono sicuramente i molti premi di produzione. Per quanto riguarda gli stipendio, questi variano in base al settore. Uno stipendio operaio Ferrai ammonta a 35000 euro all’anno, mentre un tirocinante ha un guadagno di circa 700 euro mensili. Un ingegnere guadagna intorno ai 44000 euro annui, un ingegnere informatico sui 41000 euro all’anno.

Guida su come lavorare in Ferrari: cosa fare e cosa no

Il fondatore Enzo Ferrari è stato sicuramente una figura di spicco che ha saputo creare in Italia un brand di qualità in un periodo non proprio facile. Ha dato lavoro a milioni di dipendenti, sia operai, sia ingegneri, sia addetti alla gestione contabilità o marketing. In aggiunta, ha fatto sognare milioni di italiani con la scuderia Ferrari vincendo molti campionati mondiali di Formula 1. Attualmente è ancora la scuderia più titolata nella F1 con quindici titoli piloti e sedici titoli costruttori. Non stupisce che sia una delle aziende più ambite per le persone in cerca di lavoro.

Se si desidera lavorare in Ferrari, seguire i seguenti passi:

  • accedere al sito web Ferrari.com
  • selezionare la voce Corporate
  • cliccare su Carriere
  • inviare la candidatura spontanea inserendo un indirizzo email e una password
Scheda Azienda
Azienda nata a Maranello da Enzo Ferrari. Ha dato vita alla Scuderia Ferrari e successivamente al marchio che si occupa di produzione e vendita di auto sportive o di corsa. John Elkann è l'Amministratore Delegato ad Interim
Nome AziendaFerrari
Settoreautomobilismo
Regioni in cui è presenteAbruzzo, Calabria, Basilicata, Campania, Puglia, Piemonte, Sicilia, Sardegna, Toscana, Veneto, Umbria, Val d'Aosta, Trentino Alto Adige, Lombardia, Lazio, Liguria, Marche, Molise, Emilia Romagna
Requisiti per lavorareintraprendenza, spirito di quadra, conoscenza della lingua inglese, laurea
Contatti - Lavora con noihttps://corporate.ferrari.com/it/carriere
Anagrafica Principale
© Riproduzione Riservata
© Riproduzione Riservata
Daniela Attanasio Laureata in traduzione specialistica con la passione per la fotografia, mi occupo della redazione di articoli aventi come argomento le serie TV, da sempre mie fedeli compagne di vita. In particolare, prediligendo serie TV anglofone, mi focalizzo sulle recensioni di serie che hanno segnato la storia della televisione e di fornire anticipazioni di nuovi episodi dando succulenti spoiler al telespettatore più curioso. Oltre a migliorare le competenze linguistiche, spesso le serie TV danno dei veri e propri insegnamenti di vita. Il mio obiettivo è quello di scorgere la bellezza ovunque si trovi, anche in una serie TV Leggi tutto