• Boschetti
  • Dalia
  • Leone
  • Ferrante
  • Cacciatore
  • Quarta
  • Paleari
  • Barnaba
  • Califano
  • di Geso
  • Valorzi
  • Rossetto
  • Bonetti
  • Santaniello
  • Bonanni
  • Algeri
  • Crepet
  • Casciello
  • Mazzone
  • De Luca
  • Tassone
  • Romano
  • Miraglia
  • Bruzzone
  • Carfagna
  • Quaglia
  • Grassotti
  • Romano
  • Meoli
  • Coniglio
  • Gelisio
  • Baietti
  • Catizone
  • Ward
  • De Leo
  • Pasquino
  • Buzzatti
  • Chelini
  • Liguori
  • Cocchi
  • Alemanno
  • Falco
  • Andreotti
  • Napolitani
  • Rinaldi
  • Scorza
  • Gnudi

Dipendenza da videogiochi: sintomi, come uscirne e cosa fare

Flavia de Durante 15 Aprile 2021
F. d. D.
25/10/2021

Sintomi della dipendenza da videogiochi, cause, come uscirne e cosa fare in caso di aggressività da gaming patologico, testimonianze e terapia del gaming disorder.



“Come posso capire se mio figlio è dipendente dai videogiochi?”.Troppe ore alla playstation. Si tratta di dipendenza e gaming patologico?”. “Aggressività e isolamento possono essere sintomi del gaming disorder?”

Non solo genitori, ma anche psicologi si scontrano spesso con domande del genere. La dipendenza da videogame negli adulti e nei bambini, i sintomi e come uscirne, infatti, sono oggetto di studi in psicologia. Questa patologia è stato riconosciuto dall’OMS, Organizzazione Mondiale della Sanità, come malattia mentale.

L’abuso dei videogame è un fenomeno molto comune che spesso si tende a sottovalutare. Secondo le statistiche, almeno il 7% dei giocatori online soffre di questo problema. Con conseguenze devastanti dal punto di vista psicologico, fisico e sociale. In Italia, ad esempio, si stima che circa 270mila ragazzi tra i 12 e i 16 anni sono a rischio.

Impossibile fare a meno di eroi e guerrieri delle tipiche storie dei video giochi. Compiere missioni e ottenere ricompense incolla i giocatori allo schermo. Il tutto viene costruito ad hoc dall’industria dei giochi. Accattivanti grafiche, scenari misteriosi, ritmi incalzanti.

Sebbene sia tipico dell’età adolescenziale, può colpire i più grandi ed è fondamentale riconoscerlo, sapere cosa fare nei casi di gaming disorder e come uscirne.

Ad indicarci quali sono i sintomi della dipendenza da videogiochi e come uscirne, la psicoterapeuta Serena Valorzi, esperta delle New Addictions, ci indicherà terapie e cosa fare in caso di aggressività da gaming disorder.

Sintomi dipendenza da videogiochi nei bambini e adulti, come uscirne: caratteristiche in psicologia

Negli adulti, come nei bambini, la dipendenza da videogiochi è caratterizzata da sintomi riconoscibili, quali un utilizzo quotidiano prolungato di console Playstation o Xbox, aggressività, deboli legami sociali e scarso interesse per altre attività.

Capiti i sintomi del gaming disorder, cosa fare è il passo immediatamente successivo, attraverso una corretta terapia di un professionista in psicologia e psicoterapia.

“In generale, quando si svolge un’attività molto piacevole, nel cervello si verificano una serie di processi. Si rilascia dopamina, neurotrasmettitore legato al piacere. L’individuo cerca di creare queste situazioni piacevoli, dopaminergiche. E di prolungarle nel tempo. Per avere maggiore soddisfazione.” – Spiega la psicoterapeuta Serena Valorzi.-

“La dipendenza s’inserisce quando si continua a cercare qualcosa di molto piacevole. E a breve termine. Strettamente collegata la questione dell’autocontrollo. Se non si è educati all’attesa, infatti, si ricerca l’attività dopaminergica di continuo. E ci si distacca da tutto il resto. Diventa pian piano impossibile rinunciare a quest’attività. Anche quando provoca dei danni. E questo è anche il caso delle dipendenze tecnologiche

Console playstation e xbox sono strumenti adatti per trovare attività piacevoli e stimolanti, ma pericolosi.

“Se si parla di dipendenza da videogiochi con i bambini, già dall’inizio i più piccoli non dovrebbero avere libero accesso a console. O ad apparecchi simili, senza limiti di tempo o supervisione. Questi dispositivi vengono strutturati appositamente per essere accattivanti. Rapiscono facilmente l’attenzione di un bambino. In più, i più piccoli trovano più soddisfazione nell’immergersi nel mondo fittizio del video game. Piuttosto che affrontare gli eventi della vita reale, o costruire vere relazioni. I genitori e gli adulti in questo caso hanno una grossa responsabilità. Devono intervenire per impedire lo sviluppo di un gaming patologico, regolando tipo e ore di gioco.”– Fa sapere la Dottoressa Serena Valorzi. –

Quali sono i principali sintomi del gaming disorder nei bambini e negli adulti? “Caratteristica fondamentale è la tolleranza. Più si videogioca, più si sentirà il bisogno di aumentare le ore. Allo stesso modo, non ci si accontenterà più di un gioco qualunque. Si ricercherà il tipo sempre più adrenalinico, incalzante e violento.” – Chiosa la Psicoterapeuta Valorzi -.

“Per quanto riguarda gli adulti dipendenti da video giochi, si parte dalla stessa base. Con l’aggravante che devono auto-regolarsi. Riconoscere il problema ed esserne consapevoli. L’abuso di videogames viene usato frequentemente come modulatore emotivo. Cioè, anziché affrontare difficoltà reali, si trova soddisfazione nel videogame. Questo consente al soggetto di alleviare l’angoscia momentaneamente. Ma l’impatto che ha sulla vita vera è enorme.” – Puntualizza la dottoressa.

“Le ripercussioni a lungo termine sono evidenti. Innanzitutto a livello neuro-fisiologico. Poi personale e sociale. Ci si isola, restando soli. Man mano si perdono competenze lavorative o di studio. O eventi e relazioni interpersonali.” 

Aggressività da gaming disorder: cosa fare e come uscirne

Esiste una stretta relazione tra dipendenza da videogiochi e aggressività, testimonianze e statistiche lo confermano. Non solo violenza, tra le conseguenze del gaming patologico isolamento e depressione. L’attaccamento alle console può essere così prolungato da provocare addirittura disturbi del sonno.

“Una delle conseguenze si verifica nella concentrazione. Si inizia a far fatica a focalizzare l’attenzione su un unico punto. Anche a lavoro o a scuola. Questo avviene perché per riuscire bene nel video game, bisogna stare costantemente attenti a tutti i punti dello schermo. Per quanto sia un’attività piacevole, la tensione è costante. Il cervello si abitua.” – Fa sapere la psicoterapeuta Serena Valorzi.-

“Quando si perde o si trovano difficoltà nel videogioco si scatenano rabbia e frustrazione. La problematica dell’aggressività si sviluppa specialmente per chi usa videogames violenti. Con effetti molto gravi. Questi soggetti hanno livelli di empatia più bassi. E questo accomuna bambini e adulti. Più guardo contenuti aggressivi, più svilupperò atteggiamenti aggressivi.” – Chiarisce la psicoterapeuta.

“Inoltre, l’aggressività si genera in una condizione di astinenza. Quando, ad esempio, un genitore spegne la console al figlio. Perché passa troppo tempo a giocare. Si scatena una vera e propria crisi. Si sta privando il soggetto dipendente dalla condizione di benessere nella quale si sente forte e appagato. E’ tipico di questi casi agitarsi. O lanciare e sbattere gli oggetti. Oppure rispondere in modo aggressivo.”

In questi casi di aggressività da dipendenza da videogiochi, cosa fare, esiste una terapia con i bambini o adulti violenti?

“Bisogna sapere come aiutare. Iniziando in casa. E rivolgendosi poi anche ad un professionista. Se si raggiungono livelli come quelli dell’aggressività da gaming disorder, è il momento di riconoscere il problema. La prima cosa che si deve fare è evitare la critica. Poiché aumenta l’atteggiamento violento. Offrire aiuto e dialogare con chi vive la dipendenza è la cosa migliore.” – Consiglia la dottoressa Valorzi -.

Soluzioni e rimedi della dipendenza da videogiochi nei bambini e ragazzi

Il profilo psicologico del giocatore dipendente, solitamente, è caratterizzato da disagi sociali. Questo è molto grave, specialmente per i più piccoli. Ma le soluzioni esistono. Come uscirne da una dipendenza da videogiochi, cosa fare per aiutare un bambino o un adulto?

“Il gioco rappresenta uno spazio sicuro. E’ importante rieducare il gamer. E dimostrargli che oltre lo schermo c’è la vita vera.”

“Bisogna fare una distinzione tra adulti e bambini. Quando si tratta dei più piccoli, è importante l’intervento dei genitori. Gli adulti devono essere concordi. E non sottovalutare il problema, lavorando insieme per il bene del figlio. Anche con l’aiuto di un professionista specifico. – Consiglia la psicoterapeuta Serena Valorzi.

“Sono diversi i rimedi per la dipendenza da videogiochi dei bambini. Innanzitutto, limitare l’utilizzo delle console per videogiocare. La reazione del bambino sarà rabbia e ribellione, ma non si deve cedere. Messi i limiti di tempo, si devono proporre alternative altrettanto piacevoli. A esempio lo sport. O altre attività positive e costruttive a lungo termine.”- Spiega la professionista -.

“Un’altra cosa fondamentale è essere un modello per i più piccoli. Gli adulti devono mostrare di avere autocontrollo. Ad esempio misurando l’utilizzo di internet, o quello dei social. Questo, di pari passo con un percorso piscologico adatto, può essere la soluzione.”

Terapia dipendenza da videogiochi negli adulti: come uscirne

E’ possibile una terapia, la dipendenza da videogiochi si può curare, ma una volta riconosciuti i sintomi, è importante che ci sia consapevolezza per la cura. Ruolo fondamentale lo ha chi frequenta la persona che abusa dei videogame. Amici o parenti che riconoscono il problema. Devono spingerla a chiedere aiuto.

“Nella psicoterapia, esistono percorsi di recupero specifici per gli adulti. La difficoltà sta proprio nel chiedere aiuto. Poiché la consapevolezza arriva in ritardo. Non c’è una figura autoritaria che può intervenire. L’iniziativa deve partire dal soggetto dipendente, che non è pienamente lucido. I videogames mangiano la testa! E ci si racconta bugie per giustificarsi. Si inizia a credere che le relazioni tra giocatori siano vere amicizie. O che le ore di gioco non siano troppe. Si vive praticamente nel mondo del videogioco.”- Specifica la psicoterapeuta.

“Spesso, la dipendenza da videogiochi negli adulti è un riflesso di altre problematiche. Può succede che il gioco rappresenti un rifugio. E’ importante comprendere innanzitutto quei problemi alla base. E lavorare insieme ad un professionista per risolverli.” – Precisa la dottoressa.-

“Nel percorso psicologico, si apprende come uscire dalla dipendenza. Con i videogame, si impara a comprendere che non si ha alcun bisogno di quell’attività. Lentamente, non se ne sente più il bisogno. E si elimina. I benefici sono molteplici! Si torna ad avere una rete di legami sociali. Non ci si isola più, e si raggiungono successi nella vita reale.”- Conclude la psicoterapeuta Serena Valorzi.

© Riproduzione Riservata
© Riproduzione Riservata
Flavia de Durante Studentessa di Lettere Moderne all'Università degli studi di Salerno. Profondamente ecologista e ambientalista, mi occupo di volontariato animalista. Mi interessa esplorare il mondo circostante in tutte le sue sfumature ed in particolare l'animo umano e i rapporti interpersonali. Amo da sempre la lettura e mi diletto a scrivere sin dalla prima adolescenza. I temi che maggiormente mi interessano sono quelli legati alla cultura, alla storia, al costume, all'ambiente, all'attualità. Vedo nel settore del giornalismo non solo la possibilità di trasmettere dati ed informazioni, ma anche una grande opportunità di acquisire nuove e varie conoscenze. La curiosità e la voglia di sapere sono i motori principali che mi hanno spinto a intraprendere questo percorso. Leggi tutto