• Google+
  • Commenta
23 gennaio 2014

Valori in Moviemento contro bullismo e doping

Valori in Moviemento
Valori in Moviemento

Valori in Moviemento

Per l’anno scolastico 2013 – 2014, con il contributo del Comitato Olimpico Nazionale Italiano (CONI), dell’Ecologico International Film Festival (EIFF) e con la collaborazione di RAI GULP, il MIUR, insieme all’Osservatorio Nazionale Bullismo e Doping hanno indetto il concorso, destinato ai docenti e agli alunni del primo e del secondo ciclo di istruzione, Valori in Moviemento.

Aree tematiche. Le aree tematiche proposte nel bando di concorso, collegate ai valori “Campioni di Vita” dell’ONBD (Passione e Impegno; Coraggio e Libertà; Lealtà e Fiducia; Uguaglianza Dignità e Rispetto; Solidarietà e Amicizia), dovranno ispirare le opere prodotte, che consisteranno, come la denominazione del concorso Valori in Moviemento suggerisce da subito, in un video della durata massima di 5 minuti, che potrà essere sia in lingua italiana che in lingua inglese.

Termine di iscrizione, Il termine di iscrizione al concorso è fissato al 25 febbraio 2014, mentre, per l’invio dei video, ci sarà tempo fino al 31 marzo 2014, e il video potrà essere frutto di un singolo autore, di una singola classe, di un gruppo di alunni di una stessa classe o di un gruppo di alunni di classi diverse (l’apertura del concorso Valori in Moviemento a vari tipologie di gruppi di alunni, anche appartenenti a classi diverse, è importante: favorisce la collaborazione e la conoscenza tra ragazzi che, frequentando sezioni differenti, spesso non si rapportano tra loro, quantomeno in modo approfondito, e un’occasione del genere può essere fruttuosa, perché consente loro di confrontarsi su uno spazio di riflessione importante e aggregante).

Scopo del concorso Valori in Moviemento. Scopo del concorso è quello di sensibilizzare le giovani generazioni contro i fenomeni del bullismo e del doping, affinché il rispetto di sé e del prossimo siano fondanti nel contesto sociale, in quello scolastico e sportivo.

Il video potrà appartenere a diversi generi, che qui di seguito segnaliamo:

  • Spot – durata massima: 1 minuto;
  • Sceneggiato – durata massima: 5 minuti;
  • Docu – reality – durata massima: 5 minuti;
  • Cartoon – durata massima: 3 minuti;
  • Notiziario sportivo – durata massima: 3 minuti;
  • Video musicale – durata massima: 3 minuti.

Lo scopo principale del concorso, quindi, è la promozione sociale e la sensibilizzazione delle giovani generazioni. Un concorso volto a sviluppare la comunicazione efficace sui temi, delicati, del bullismo, della prevaricazione, del rispetto delle regole.

Osservatorio contro il Bullismo e il Doping Del resto questo è anche la mission dell’Osservatorio Nazionale sul Bullismo e Doping, promotore insieme al MIUR dell’iniziativa.

Si legge infatti sul sito: “L’Osservatorio Nazionale sul Bullismo e Doping è un’Associazione di Promozione Sociale che è nata grazie all’impegno operato da diversi anni da parte di sportivi di fama internazionale, affermati professionisti e semplici rappresentanti della società civile, nei confronti di due piaghe moderne della collettività, sempre più diffuse in special modo tra i nostri giovani: Bullismo e Doping. Obiettivo primario della nostra Associazione è l’organizzazione di campagne di comunicazione, sensibilizzazione e prevenzione sulle tematiche del Bullismo e del Doping, rivolte a tutte le realtà giovanili, in particolare al mondo della scuola al quale ci siamo rivolti con numerose iniziative per portare a conoscenza degli insegnanti, dei ragazzi e delle loro famiglie la gravità di tali fenomeni e le conseguenze, spesso irreversibili, per chi cade nella loro rete.”

Il tema del bullismo. Il bullismo è un tema che preoccupa, dato che, soprattutto negli ultimi tempi, ha preso delle pieghe sempre più estreme e violente e che, purtroppo, ha dato luogo anche a fenomeni di omofobia, discriminazione, prevaricazione che sono sfociati in episodi anche tragici, con suicidi e vessazioni di ragazzi affetti da handicap. Anche il doping, che attanaglia il mondo dello sport e che ci sta abituando, tristemente, a continui aggiornamenti in negativo, è un fenomeno su cui la sensibilizzazione e l’educazione possono fare molto, ma solo se si comincia presto, a scuola, appunto.

I video premiati verranno diffusi sul sito del MIUR e su quello dell’ONBD.


© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy