• Liguori
  • Santaniello
  • Ward
  • Barnaba
  • De Leo
  • Quaglia
  • Napolitani
  • Buzzatti
  • Ferrante
  • Quarta
  • Andreotti
  • Paleari
  • Tassone
  • Meoli
  • Califano
  • Gelisio
  • Romano
  • Coniglio
  • Bonanni
  • Chelini
  • Valorzi
  • de Durante
  • Alemanno
  • Cocchi
  • Falco
  • Miraglia
  • De Luca
  • Grassotti
  • Boschetti
  • Crepet
  • Carfagna
  • Rinaldi
  • Mazzone
  • Bonetti
  • Gnudi
  • Catizone
  • Bruzzone
  • Casciello
  • Pasquino
  • Baietti
  • Dalia
  • Antonucci
  • Algeri
  • Romano
  • Cacciatore
  • Leone
  • Scorza
  • Rossetto
  • di Geso

Concorso dirigenti scolastici 2022: date, requisiti e cosa studiare

Flavia de Durante 4 Aprile 2022
F. d. D.
20/05/2022

Prossimo concorso dirigenti scolastici 2022, dalla preparazione alle date: tutti i requisiti per partecipare, come diventare preside.



E’ stata pubblicata la bozza per il regolamento del concorso che recluterà i nuovi dirigenti scolastici per il 2022. In attesa di un bando ufficiale con annessa precisa regolamentazione, già si possono conoscere le modalità concorsuali, dagli argomenti alla tipologia di prova.

Come diventare dirigente scolastico? In Italia, per essere al vertice di una scuola, bisogna presentare domanda per partecipare al concorso nazionale. Ogni candidato deve affrontare e superare tre prove per ottenere il ruolo di dirigente. Una preselettiva, composta da 50 quiz; una prova scritta, strutturata in cinque quesiti a risposta aperta e due in lingua inglese. Al termine dei due scritti si procede con una valutazione orale.

In attesa di conoscere il testo del bando ufficiale analizziamo requisiti, modalità e cosa studiare per il prossimo concorso dirigenti scolastici 2022, quando si terrà.

Concorso dirigenti scolastici 2022: quando esce il bando, cosa c’è da sapere prove scritte

Gli aspiranti dirigenti erano in attesa del bando alla fine del mese di Marzo, ma dovranno ancora aspettare. Il prossimo concorso dirigenti scolastici quando ci sarà, una data ufficiale il MIUR ancora non l’ha indicata. Secondo quanto pubblicato nella bozza, le ultime notizie confermano solo che ci dovrebbe essere una prova preselettiva, una prova scritta e una prova orale. Modalità di partecipazione e svolgimento simili, quindi, alle precedenti selezioni.

La prova preselettiva si svolgerà in ambito regionale qualora il numero dei candidati dovesse essere almeno 4 volte quello dei posti disponibili. Il primo step si svolgerà al computer in modalità CBT (computer based test). La prova consisterà in una serie di 50 quiz a risposta multipla sulle stesse materie previste per la prova scritta.

Per la prova i candidati avranno a disposizione 100 minuti.

Metodo di valutazione del concorso per dirigente scolastico

  • di 1 punto ad ogni risposta esatta;
  • 0 a ogni risposta omessa;
  • – 0,30 nel caso di risposta errata.

La prova scritta computer based verterà su cinque quesiti a risposta aperta. Inoltre, ci saranno due quesiti di inglese. Come prepararsi per il concorso dirigenti scolastici 2022, requisiti da avere quali sono? Queste la materie oggetto di prova:

  • Normativa riferita al sistema educativo di istruzione e di formazione e agli ordinamenti degli studi in Italia. Particolare attenzione ai processi di riforma in atto;
  • Modalità di conduzione delle organizzazioni complesse. Particolare riferimento alla realtà delle istituzioni scolastiche ed educative statali;
  • Processi di programmazione, gestione e valutazione delle istituzioni scolastiche;
  • Organizzazione degli ambienti di apprendimento. In particolare riferimento l’inclusione scolastica e l’innovazione digitale;
  • Organizzazione del lavoro e gestione del personale. Particolare riferimento alla realtà del personale scolastico;
  • Valutazione ed autovalutazione del personale, degli apprendimenti e dei sistemi e dei processi scolastici;
  • Elementi di diritto civile e amministrativo. Particolare attenzione alle obbligazioni giuridiche e alle responsabilità tipiche del dirigente scolastico; responsabilità di diritto penale con particolare riferimento ai delitti contro la Pubblica amministrazione; danno di minorenni;
  • Contabilità di Stato, con particolare riferimento alla programmazione e gestione finanziaria presso le istituzioni scolastiche;
  • Sistemi educativi dei Paesi dell’Unione europea.

Concorso dirigenti scolastici 2022: prova orale, come prepararsi

Superate le prime due prove, i candidati decisi a diventare presidi devono affrontare il colloquio orale. Com’è strutturato?

  • un colloquio sugli ambiti disciplinari della prova scritta. Questo accerta la preparazione professionale del candidato. Verifica capacità di risolvere un caso riguardante la funzione del dirigente;
  • una verifica della conoscenza e della capacità di utilizzo degli strumenti informatici; conoscenze TIC di più comune impiego presso le scuole;
  • prova conoscenza della lingua inglese al livello B2 del CEF. Questa verrà fatta attraverso la lettura e traduzione di un testo; successivamente, conversazione in lingua inglese.

Inoltre, potrebbero aggiungersi altri argomenti: saper elaborare un testo o utilizzare i fogli di calcolo; realizzare delle presentazioni a computer o saper usare i motori di ricerca e gestire la posta elettronica; conoscere i sistemi per la condivisione dei file.

Come arrivare preparati? Per superare tutte le prove, consigliamo di affidarsi ai testi di preparazione appositamente pensati per gli aspiranti dirigenti scolastici. Lì potrete trovare, oltre alle simulazioni, anche l’analisi di tutti gli argomenti singolarmente.

Requisiti per presentare domanda da dirigente scolastico

Quali i requisiti e come partecipare al prossimo concorso dirigenti scolastici 2022, come prepararsi in attesa della pubblicazione del bando ufficiale? Innanzitutto, l’iscrizione deve avvenire tramite il  tramite SPID.

Secondo il regolamento, al concorso può partecipare il personale docente ed educativo delle istituzioni scolastiche ed educative statali. Quali i requisiti? Il candidato deve essere:

  • assunto con contratto a tempo indeterminato;
  • confermato in ruolo secondo quanto previsto dalla normativa vigente;
  • che abbia effettivamente reso, nelle istituzioni scolastiche ed educative del sistema nazionale di istruzione, un servizio di almeno cinque anni.

Per il riconoscimento dei dei cinque anni di anzianità, sono considerati validi:

  • i servizi effettivamente prestati anche se maturati prima dell’immissione in ruolo. (purché al momento della partecipazione al concorso vi sia già stata la conferma in ruolo);
  • i servizi valutabili a tutti gli effetti come servizio di pre-ruolo nelle scuole paritarie. (quelle che abbiano avuto riconoscimento con la Legge 62 del 10 marzo 2000).

Il servizio di insegnamento si intende prestato per un anno intero se ha avuto la durata di almeno centottanta giorni. O, in alternativa, se sia stato prestato ininterrottamente dal primo febbraio fino al termine delle operazioni di scrutinio finale.

Requisiti e titoli per partecipare al concorso per dirigente scolastico
  • Diploma di laurea. (ottenuto in base agli ordinamenti didattici in vigore precedentemente al decreto ministeriale n. 509 del 3 novembre 1999);
  • Laurea magistrale (4 o 5 anni); oppure specialistica (3 + 2);
  • Diploma accademico di II livello relativo all’alta formazione artistico, coreutica, musicale;
  • Diploma accademico di vecchio ordinamento annesso a quello di istituto secondario superiore.
© Riproduzione Riservata
© Riproduzione Riservata
Flavia de Durante Laureata in Lettere Moderne con il massimo dei voti all'Università degli studi di Salerno. Da sempre amante della lettura, mi diletto a scrivere sin dalla prima adolescenza. Mi interessa esplorare il mondo circostante in tutte le sue sfumature ed in particolare l'animo umano e i rapporti interpersonali. I temi che maggiormente mi interessano sono quelli legati alla cultura, alla storia, al costume, all'ambiente, all'attualità. Vedo nel settore del giornalismo non solo la possibilità di trasmettere dati ed informazioni, ma anche una grande opportunità di acquisire nuove e varie conoscenze. La curiosità e la voglia di sapere sono i motori principali che mi hanno spinto a intraprendere questo percorso. Leggi tutto