• Google+
  • Commenta
9 febbraio 2015

Optique, progetto per Big Data con la Libera Università di Bolzano

Team Optique

Libera Università di Bolzano – Per il secondo anno consecutivo, la Commissione Europea ha espresso una valutazione “eccellente” per Optique, progetto di un consorzio internazionale di cui, assieme alla Libera Università di Bolzano, fanno parte anche gli atenei di Oslo, Oxford, Roma, Atene e Amburgo e big dell’industria globale come la norvegese Statoil e Siemens

Team Optique

Team Optique

L’obiettivo del progetto Optique è sviluppare una piattaforma che renda possibile all’utente finale ricavare velocemente e in maniera diretta informazioni utili da insiemi di dati di grandi dimensioni.

La Commissione Europea, che annualmente procede ad un controllo dello stato di avanzamento dei progetti approvati, per il secondo anno consecutivo ha valutato come “eccellente” il progetto Optique, cui collabora anche la Facoltà di Scienze e Tecnologie Informatiche della Libera Università di Bolzano.

Ciò significa che i risultati raggiunti finora superano quelli indicati nella tempistica progettuale. Il progetto “Optique. Scalable End-user Access to Big Data” – finanziato dall’UE con circa 10 milioni di euro – risponde alle esigenze di organizzazioni che hanno la necessità di condurre ricerche efficaci e veloci in banche di dati anche molto complesse. Il problema della gestione e della ricerca dei dati riguarda in ugual modo l’industria privata e la pubblica amministrazione. Ad esempio, nell’industria del gas e del petrolio dal 30 al 70% del tempo degli ingegneri viene consumato per la ricerca e la verifica della qualità dei dati. “La compagnia petrolifera norvegese Statoil, nostra partner di progetto, dispone di circa 900 geologi che quando hanno bisogno di informazioni relative a trivellazioni effettuate in precedenza, devono aspettare anche fino a quattro giorni prima di avere una risposta”, afferma il prof. Diego Calvanese, docente unibz alla guida del team che lavora su Optique in Alto Adige.

Il Team Optique alla Libera Università di Bolzano

Nella Libera Università di Bolzano, il team di informatici capeggiato dal prof. Diego Calvanese lavora allo sviluppo della tecnologia centrale di Optique, rinominata “Ontop”. “Questa permette di stare “al di sopra” dei dati, e quindi di controllarli, utilizzando tecnologie semantiche”, spiega il docente di unibz che è uno specialista della ricerca sulle basi di dati e della rappresentazione della conoscenza in intelligenza artificiale. Il progetto Optique terminerà nel 2016 e il prodotto finale verrà commercializzato da FluidOps, azienda tedesca leader nel settore delle “semantic technologies” e partner


© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy