• Google+
  • Commenta

Ricetta Dorayaki alla Nutella con o senza miele: preparazione e ingredienti

Foto Ricetta Dorayaki

L’originale ricetta dorayaki: ecco come prepararli e quali sono gli ingredienti per realizzare i pancakes giapponesi! Scopri come fare i dorayaki alla nutella o alla marmellata: procedimento passo per passo.

Per la  ricetta del giorno di oggi vi presentiamo i famosi dorayaki, dolcetti giapponesi con un impasto molto simile al pan di spagna. Resi famosi negli anni ottanta grazie al celebre cartone animato Doraemon. Chi non ricorda il buffo gattone blu che combinava un sacco di guai? Questo cartone è stato riproposto negli ultimi anni, per cui ha riportato in auge la voglia di queste focaccine dolci cotte in padella. La ricetta dorayaki alla nutella illustra la preparazione di questi deliziosi dolcetti giapponesi, che possono essere farciti con diverse creme. Queste deliziose frittelle hanno l’aspetto dei pancakes americani. L’impasto però è diverso, più leggero privo dei grassi presenti nei pancakes.

I dorayaki, il cui nome significa gong, deve la sua origine ad un samurai di nome Benkei. Secondo la leggenda, infatti, il samurai dimenticò il suo gong a casa di un contadino presso il quale si nascondeva. Il contadino pensò di utilizzare lo strumento per cuocere il dorayaki. Da qui il nome.

In origine venivano serviti singolarmente. Solo a partire dal 1900 si iniziò a farcirli come panini.

Ricetta dorayaki alla Nutella, preparazione originale e varianti dei dolcetti giapponesi

Questa merenda facile e veloce è semplice da preparare. Pronti in pochi minuti, si cuociono in padella molto facilmente. Queste focaccine dolci possono essere preparate mescolando gli ingredienti con una frusta. Gli ingredienti della ricetta dorayaki sono davvero molto comuni: farina, uova, zucchero, miele e lievito per dolci. Il procedimento prevede pochi passaggi, e ci vuole davvero poco tempo per prepararli! Tra le varianti della ricetta originle dei dorayaki, c’è anche quella senza miele. L’impasto avrà un sapore diverso, meno dolce e più light, ma il risultato finale sarà sempre ottimo.

I dorayaki possono essere preparati anche con il bimby, per cui si può procedere ancora più velocemente.

Queste focacce dolci cotte in padella in Giappone vengono farcite con una salsa dolce chiamata anko, fatta con i fagioli azuki. Noi preferiamo riempirli con creme più occidentali. Ottimi se farciti con la nutella o confettura ai frutti di bosco. Per chi ama un sapore più deciso può provare una crema alle castagne o al caffè. Vediamo come preparare dorayaki morbidi, alti e soffici, da fare in padella in poco tempo.

Ingredienti ricetta drayaki: come preparare i dolcetti giapponesi

Vediamo la ricetta facile e veloce dei dorayaki, il piatto preferito da Doraemon! Ecco come preparare una merenda golosa e squisita per i bambini in pochissimo tempo.

Ingredienti per 8 porzioni:

  • 100 gr di farina 00
  • 50 gr di zucchero
  • 2 uova
  • 20 gr miele
  • 2 cucchiai di acqua
  • 1 cucchiaino di lievito per dolci
  • Nutella o marmellata q.b.

Per prima cosa preparare la pastella. Versare le uova in una ciotola aggiungendovi lo zucchero. Mescolare con una frusta fino ad ottenere un composto spumoso.

Aggiungere poi la farina e mescolare fino a quando non si raggiunge la consistenza di una pastella fluida. Unire il miele e il lievito, precedentemente sciolto nell’acqua.

Coprire l’impasto così ottenuto con una pellicola e riporre in frigo a riposare per 30 minuti.

Trascorsi i 30 minuti fate riscaldare una padella antiaderente. Versatevi con un cucchiaio l’impasto in modo da formare dei cerchi. Una volta messo il composto a contatto con la padella calda si allargherà da solo fino a formare dei dischi.

Quando sulla superficie inizieranno a firmarsi delle bolle, girate il disco dall’altro lato e lasciate cuocere per 1 minuto.

Togliete man mano le frittelle dalla padella. La ricetta dorayaki originale non prevede farciture. Potrete gustarle così al naturale cosparse di zucchero a velo. Se preferite invece farcitele a mò di panino con nutella o marmellata.


© Riproduzione Riservata