• Google+
  • Commenta
2 luglio 2003

Notizie dagli organi

Come di consueto, anche l’ultimo incontro del Senato Accademico, non è stato povero di contenuti. Tra i tanti motivi di discussione, non può passare Come di consueto, anche l’ultimo incontro del Senato Accademico, non è stato povero di contenuti. Tra i tanti motivi di discussione, non può passare sotto silenzio un progetto che, sicuramente, contribuirebbe a migliorare la fruibilità del Campus di Fisciano: la realizzazione di una bretella autostradale che da Lancusi condurrebbe direttamente presso l’università. Più che di progetto si deve ormai parlare di imminente inizio dei lavori, grazie all’azione concorde di Ateneo e organi provinciali e regionali, una volta terminata la gara d’appalto. Connesso a questa iniziativa, ma a scadenza più lunga, è stato discusso un altro, notevole progetto, mirante a rendere ancora più centrale l’intero Campus: si tratta della possibilità che questo venga inserito nel percorso della Circumsalernitana, con annessa stazione ferroviaria. L’auspicabile realizzazione di questo progetto, rappresenterebbe un punto a favore per un settore, quello dei trasporti, da sempre oggetto di pesanti critiche. Accanto a queste iniziative, nell’ultima seduta del Senato Accademico si è discusso anche di alcune problematiche di più immediata risoluzione, e, non trascurabili da parte degli studenti iscritti: si è proposta la sperimentazione della frequenza alle lezioni attraverso un tesserino elettronico, da convalidare prima dell’inizio di ogni singolo corso didattico.Questo sistema computerizzato, andrebbe a sostituire la “canonica” firma, eliminando alla base il fenomeno della frequenza non effettiva. Una notizia per gli iscritti alla facoltà di Economia: è stata annullata la prova scritta d’inglese, perché non ritenuta conforme al regolamento dell’Ateneo. Lasciando il Senato Accademico ed i suoi punti di discussione, è sicuramente degna di nota l’iniziativa promossa dalle Associazioni Universitarie e dal Consiglio degli Studenti di mettere a disposizione cinque borse di studio per ragazzi che vivono nei paesi più poveri del mondo, nell’ambito di un’assoluta integrazione e di un proficuo interscambio tra zone e regioni molto distanti tra loro, non solo spazialmente, ma anche e, soprattutto, economicamente. Spicca, inoltre, la messa in palio di altre due borse di studio, da assegnarsi ad un ragazzo Israeliano e ad uno Palestinese, nel caso in cui s’impegnino a convivere, condividendo la stessa casa. Un’iniziativa, questa, da molti ritenuta utopica, da molti criticata, di certo un passo importante verso il lontano obbiettivo della Pace tra i popoli.

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy