• Google+
  • Commenta
2 luglio 2003

“Organizzazione del no profit”: L’arma vincente contro la disoccupazione nel mezzogiorno

Editoriale
Non è facile decidere della propria vita, capire le proprie aspirazioni e avere il coraggio e la forza di portarle a termine. Editoriale
Non è facile decidere della propria vita, capire le proprie aspirazioni e avere il coraggio e la forza di portarle a termine. Soprattutto qui, nel nostro amato e profondo sud, dove i sogni muoiono prima di farli e le possibilità di lavorare e soprattutto di fare ciò che si vuole veramente sono una su un milione. Non basta aver fiducia nella politica, non serve ascoltare i soliti discorsi retorici pronunciati da governi diversi, tanto il succo non cambia, i problemi rimangono sempre gli stessi e non si smuovono. Non importa che le promesse vengano fatte da destra o sinistra, tanto non verranno mai mantenute. Ci resta solo il coraggio di restare, di non cadere nella solita tentazione di partire.con la valigia non più di cartone, ma che contiene una laurea, tanta preparazione e le stesse speranze. Anche la meta rimane la stessa che spinse cinquant’anni fa i nostri compaesani ad abbandonare la propria casa per raggiungere il paese dei balocchi. Un mondo fatto di opportunità, di ricchezza ma anche di crudeltà e tanta nostalgia! Forse Pinocchio sarebbe impallidito davanti alle nostre richieste, per noi i balocchi non sono dolci, ne giocattoli, ma un’ occupazione, il tanto sospirato posto di lavoro, dopo anni di studio e sacrifici l’aiuto della fata Turchina. Basta cercare a fondo, e le soluzioni a tutti i nostri problemi ci appaiono in tutta la loro semplicità. Perché non tentare strade nuove? Perché non cercare di realizzare qualcosa di buono per sé e per gli altri? Perché non realizzare un progetto che ci permetta di far quadrare i conti a fine mese e di sopperire alle innumerevoli carenze del meridione?

La parola al Preside di Scienze Politiche Adalgisio Amendola che ha dato vita ad un nuovo corso di laurea: “organizzazione del no profit”, dopo aver analizzato la crescente richiesta di personale qualificato nella gestione delle organizzazioni no profit. Il terreno in cui ci addentriamo è irto ma non impossibile e ascoltando la voce del Preside le soddisfazioni saranno tante e grandi.

.

.

.

.

.
.
.

.

Il problema è che i servizi amministrativi sono forniti da una serie di organizzazioni for profit di professionisti. E’ giusto mettere sul mercato associazioni che svolgerebbero queste mansioni senza un profitto? Non penso che sia un modo corretto di procedere perché le imprese che godrebbero di questi servizi, realizzerebbero a loro volta un profitto. Mentre potrebbe avere un riscontro positivo la figura delle fondazioni universitarie che per conto dell’università gestiscono dei servizi come l’alta formazione.

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy