• Google+
  • Commenta
25 novembre 2003

Allarme Salernitana

La sconfitta di Como, a quanto pare, non ha rappresentato un caso isolato. La squadra di Pioli, infatti, è in crisi sia di gioco che di risultati. E’ La sconfitta di Como, a quanto pare, non ha rappresentato un caso isolato. La squadra di Pioli, infatti, è in crisi sia di gioco che di risultati. E’ troppo prevedibile la Salernitana, che imposta il suo gioco sempre e solo sull’ariete Bogdani. Le azioni partono tutte dalla fascia sinistra. E proprio l’out sinistro granata è risultato fatale nel match contro il Genoa. Buco sulla fascia e palla dentro per l’ex Rossi che ha siglato il gol del vantaggio per la squadra di mister De Canio. La situazione, adesso, si fa critica. Ai punti persi “immeritatamente” per strada si aggiunge un periodo- no che rischia di risucchiare la Salernitana nella zona bollente della classifica, zona che i granata non meritano. Appaiono inevitabili, a questo punto, modifiche tattiche. Urge il ritorno del miglior Bombardini e c’è bisogno di varianti tattiche per il gioco offensivo. Nessuno nega le qualità in attacco di Bogdani, ma bisogna essere più pericolosi nell’insieme. L’albanese ha sofferto nella gara coi liguri l’esperienza di Baldini e “Pluto” Aldair, come era già successo in passato contro i difensori del Napoli. Non aiutano certamente i battibecchi tra Pioli e il diesse Longo: in questo momento difficile bisogna remare tutti dalla stessa parte. Domenica prossima ci sarà bisogno di una vittoria per il morale, per la classifica, per i tifosi. Contro la rivelazione Albinoleffe non sarà impossibile approdare ai tre punti, anche se peserà, senz’altro, l’assenza di Giorgio Di Vicino.

Google+
© Riproduzione Riservata