• Google+
  • Commenta
15 gennaio 2004

Casa del libro Antico

Nei pressi della Biblioteca “E.Caianello” è presente una piccola consistenza, una casa colonica che è stata restaurata negli anni passati e che acco
Nei pressi della Biblioteca “E.Caianello” è presente una piccola consistenza, una casa colonica che è stata restaurata negli anni passati e che accoglie prevalentemente il fondo Ventimiglia, un fondo importante che si compone di copie antiche che vanno dal XV secolo fino alla fine dell’800. Si tratta di una raccolta che era conservata al Centro di Studi di Storia del Mezzogiorno, al centro di Salerno, e negli anni ’70 passò all’Università. E’ stato poi trasferito, quando l’Università è emigrata a Fisciano, al Campus. Dopo un periodo di permanenza in diversi depositi è stato allocato definitivamente in questo edificio a tre piani. E’ degna di nota la campagna di disinfestazione da anobi appena conclusasi, infatti questi tarli stavano danneggiando il materiale letterario custodito nella casa. Si tratta di circa 8500 volumi provenienti da Polla, centro cilentano dove la famiglia Ventimiglia aveva dimora. Si trattava di una famiglia di intellettuali meridionali, una famiglia importante, nella cui biblioteca ha studiato Giambattista Vico. I Ventimiglia hanno messo insieme questa raccolta libraria importante acquisendo presso i canali di approvvigionamento di allora edizioni veneziane, fiorentine, romane ed anche napoletane, ed altre tra le principali circolanti in quei secoli. Sono custoditi circa 150 incunaboli, edizioni del ‘500, tra cui alcune molto pregiate ed importanti, circa 200 edizioni seicentesche ed un numero cospicuo di edizioni del Settecento e dell’Ottocento. Il Centro Studi ha poi continuato a coltivare tale raccolta, acquistando volumi di storia del pensiero meridionale che costituiscono la raccolta moderna acclusa al fondo Ventimiglia. Nella casa del libro antico sono conservati anche altri fondi antichi della biblioteca. Data la non elevata richiesta di consultazioni dei libri custoditi, nella casa non c’è personale fisso. Per poter visionare uno di questi volumi, vengono raccolte le prenotazioni, come si fa per tutti i libri. Al momento della richiesta viene fissato un appuntamento, a distanza di due o tre giorni, per la consultazione. Eccezionalmente viene consentito anche l’accesso alla casa del libro. Tra un po’ di tempo sarà possibile consultare il contenuto dei volumi comodamente a casa propria; basterà collegarsi a internet. Questo grazie al trasferimento dei contenuti che si sta attuando su base informatica.

Google+
© Riproduzione Riservata