• Google+
  • Commenta
15 gennaio 2004

Disfunzioni della biblioteca e nuovi progetti

Tra le anomalie che più lamentano gli studenti, è da menzionare il non funzionamento delle colonnine fornite di terminali, tramite le quali si dovrebbTra le anomalie che più lamentano gli studenti, è da menzionare il non funzionamento delle colonnine fornite di terminali, tramite le quali si dovrebbe poter effettuare la ricerca di libri; a questo va aggiunto il non aggiornamento dei cataloghi cartacei.
Il primo, purtroppo, è un problema reale ma non dipende da noi.
È un problema di rete che non riusciamo in nessun modo a risolvere.
Il tutto è nato dal fatto che, inizialmente, alcuni studenti avevano tentato di uscire dal programma, per connettersi a internet, creando delle disfunzioni all’interno del sistema e mandandolo spesso fuori uso. Il potenziamento della protezione del programma, non ha consentito più l’accesso al di fuori del catalogo storico della biblioteca, ma ha creato l’attuale situazione.
Per risolvere il problema si installeranno dei computer nelle sale di consultazione e sarà realizzata una sala multimediale a piano terra, in cui sarà possibile non solo la consultazione dei nostri cataloghi ma si avrà anche la possibilità di accedere alla rete.
I lavori di attuazione del progetto avranno inizio a gennaio-febbraio 2004, a condizione di avere la disponibilità delle attrezzature elettroniche. Comunque le prime postazioni dovrebbero entrare in funzione al massimo in primavera. La struttura che si intende creare, oltre a permettere collegamenti alla rete, sarà funzionale anche per l’ascolto di musica e per la proiezione di filmati; si disporrà, inoltre, di apposite attrezzature per permettere a chi ha problemi di vista l’accesso facilitato alla rete e si provvederà a dare le stesse opportunità agli altri utenti diversamente abili.
Sarà quindi una struttura polivalente anche se non molto grande, ma comunque efficiente nelle sue funzioni.
Per quanto riguarda il catalogo di consultazione cartacea è stato quasi del tutto messo da parte e i dati sono stati trasferiti in rete.

Google+
© Riproduzione Riservata