• Google+
  • Commenta
15 gennaio 2004

Nasce il parco urbano

L’Amministrazione Donato in perfetta armonia con le linee programmatiche del suo atto d’indirizzo, si muove a 360° sul territorio comunale, sottoponeL’Amministrazione Donato in perfetta armonia con le linee programmatiche del suo atto d’indirizzo, si muove a 360° sul territorio comunale, sottoponendo a valutazione e riqualificazione tutti i settori e cercando di renderli produttivi e più confacenti al benessere della collettività.

L’attenzione in questi giorni riguarda la questione ambientale che si ricollega alle iniziative già svolte nella precedente amministrazione provinciale. Circa il 60% del territorio comunale di Castel San Giorgio che ha una superficie complessiva di 14 km2 è montano e collinare e purtroppo molti sono gli incendi che devastano quello che è, e potrebbe essere ancor di più, se riqualificato e protetto, un patrimonio prezioso per la salute dei cittadini e l’equilibrio del paese. Il territorio, insieme a quelli di altri comuni limitrofi non appartiene a nessuna comunità montana. Un gap questo che viene superato grazie alla collaborazione con la provincia di Salerno con la quale già esiste un altro progetto di recupero e riutilizzo di vecchi sentieri con percorsi naturalistici e storici. Tra i progetti in atto in questa direzione, svetta l’accordo programmatico con la provincia di Salerno, per la determinazione di un’area protetta nella quale insisterà un vero e proprio Parco Urbano che dalla Collina di S. Apolinnare giungerà ai resti del castello del Capoluogo fino ai confini con Mercato San Severino. I lavori sono già stati appaltati. Saranno poste al vaglio dall’amministrazione stessa, successivamente, proposte da parte di tecnici di riutilizzo e controllo della succitata area. Il Sindaco Donato, è fiducioso che la Regione Campania approverà e finanzierà il progetto che è perfettamente in linea con la l. n°17 del 7/10/2003, riguardante la riqualificazione del territorio ed approvato all’unanimità in sede di consiglio comunale.
MariaGrazia Fimiani

Google+
© Riproduzione Riservata