• Google+
  • Commenta
15 maggio 2004

“Diario di un poeta”

Sarò anche un poeta mediocre, un piccolo poeta,
ma : un POETA !
È ora di finirla con :

Sarò anche un poeta mediocre, un piccolo poeta,
ma : un POETA !
È ora di finirla con :
“Chi sono? Son forse un poeta? No certo.
Chi sono?…il saltimbanco dell’anima mia”!
(Palazzeschi)
o : “io mi vergogno,
sì, mi vergogno d’esser un poeta!”
(Gozzano)
Avete azzerato un’epoca : è ora di costruirne un ’ altra !
Ci vuole chi si definisca POETA !
La società ha bisogno dei POETI
che la LODINO nel LODABILE
e CRITICHINO nel CONTESTABILE!
C’è bisogno dei POETI !! Proprio oggi ho letto ( e con questo concludo) :

“Meglio un poeta senza un popolo ,
che un popolo senza poeti!”
“DIFENDETE I POETI !!”

Il poeta è un folle che gioca ad estrarre frasi come numeri al lotto:
e se non sono i numeri che volevate sentire
e sembra che vi tolga il cappotto
lurido di ipocrisia , puro egoismo radicato,
cinismo, razzismo , avidità, se ci azzecca qualche verità
sulla società,
non prendetela come accusa:
è solo combinazione di un gioco praticato da un folle!! Difendetelo!
Avete bisogno dei poeti così folli! Sono come i profeti in patria,
ma con la protezione della lontananza del lettore offeso.
Difendeteli!!
Difendeteci!!!
Siamo i poeti della nuova generazione!!!!

Google+
© Riproduzione Riservata