• Google+
  • Commenta
15 maggio 2004

Zitarose

Romina, Teresa, Fernando, Michelangelo: quattro nomi noti come il gruppo a cui appartengono: le Zitarose. Dopo il primo anno di sala prove al Mumble
Romina, Teresa, Fernando, Michelangelo: quattro nomi noti come il gruppo a cui appartengono: le Zitarose. Dopo il primo anno di sala prove al Mumble Rumble i nostri amici cominciarono a pensare che fosse giunta l’ora di esibirsi in pubblico. Il debutto fu nel ‘99 alla Cruna dell’ago a Pontecagnano. Da allora hanno avuto un successo strepitoso e numerose sono state le esibizioni nei vari locali di Salerno e della provincia.
Come si è formato il gruppo?
Romina: “L’idea è stata del chitarrista, Michelangelo, che suonava nella Delta Blues Band ma che non aveva una grossa predilezione per il blues. Decidemmo così di cominciare a vederci per stare insieme e divertirci con la musica. Il nome del gruppo venne fuori da uno sfottò che gli altri facevano nei confronti miei e di mia sorella Teresa, la bassista, per il nostro cognome Zitarosa denominandoci appunto le sorelle Zitarose. Inizialmente le Zitarose disponevano di altri due componenti che per problemi di lavoro hanno lasciato il gruppo e, così si è arrivati nel 2001 all’attuale formazione a quattro”.
Che suonano le Zitarose?
R: “Fino ad oggi ci siamo limitati alle cover non abbiamo mai creato qualcosa di nostro perché ognuno di noi ascolta un genere di musica ed ha preferenze musicali diverse, non per questo discordanti. In questo modo suoniamo canzoni di altri che variano dal punk, al rock, dal grunge, al noise e chi più ne ha più ne metta!”. Le Zitarose hanno anche registrato nel 2002 un demo con delle canzoni nella loro sala prove.
Ci sono delle difficoltà per quel che riguarda le attrezzature?
R: “Le attrezzature buone costano troppo e mancano addirittura posti adeguati per provare”, risposta non nuova a causa dei numerosi problemi incontrati dalle band del salernitano.
Sogni per il futuro?
“Nessun sogno: suoniamo per “sfizio”! Ci piace, ci troviamo insieme, ci divertiamo. Per noi è un hobby non un possibile lavoro per il futuro!” Ciò non sminuisce comunque la loro bravura, il loro impegno e soprattutto la loro passione per la musica: vi auguro davvero che vi capiti di ascoltare le Zitarose!
Filomena Arienzo

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy