• Google+
  • Commenta
15 novembre 2004

La Violenza Passiva – Sondaggio

Il nostro dossier si è occupato anche della violenza che frequentemente si è costretti a subire. La coercizione fisica, più o meno grave, la sopraffazIl nostro dossier si è occupato anche della violenza che frequentemente si è costretti a subire. La coercizione fisica, più o meno grave, la sopraffazione verbale pericolosamente diffusa in determinati tipi di discussione, nonché la forzata persuasione psicologica che spesso sfocia in vero e proprio plagio, sono esperienze reali con cui l’83% degli intervistati dichiara di aver fatto i conti almeno una volta nel corso della propria vita. Tra essi il 30% ricorda esperienze di carattere corporeo, il 59% si riferisce ad alterazioni momentanee della propria percezione della realtà attraverso forzature di natura psichica, mentre l’11% dice di essere stato parte lesa in diverbi particolarmente accesi, subendo insulti e turpiloqui. Ma cosa scatena in noi reazioni violente? Quali sono i fattori che determinano il ricorso alla violenza? Anche in questo caso le risposte sono piuttosto variegate. La maggioranza degli intervistati, ossia il 18%, attribuisce al sistema sociale corrotto la mancanza di autocontrollo individuale e sociale. Secondo il 15% dei ragazzi la matrice fondamentale dei comportamenti violenti è individuabile nella diffusa ignoranza, intesa come incapacità di comprendere gli altri coerentemente. In tale contesto si colloca anche il 6% che ritiene l’incomunicabilità la causa fondamentale del ricorso alla violenza. Secondo quest’ultimo gruppo di giovani, l’impegno responsabile alla comprensione e la disposizione all’ascolto rispettoso dell’altro, eviterebbero nella maggior parte dei casi la degenerazione violenta. L’istinto endemico alla prevaricazione dell’altro, invece, secondo il 12% degli studenti, indurrebbe gli uomini ad imporre se stessi e le proprie idee anche attraverso la forza. La restante parte del campione si divide in numerose altre risposte. Il fattore economico sembrerebbe una delle cause scatenanti la violenza, almeno nelle sfere più alte della società. Rabbia, paura ed insicurezza, inoltre, detterebbero sempre più frequentemente il ricorso alla coercizione fisica. Soltanto il 6% degli interpellati ritiene che la violenza si giustifichi in quanto istintiva risposta fisica o verbale ad una imminente minaccia esterna.

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy