• Google+
  • Commenta
15 marzo 2005

6 Nazioni di Rugby: 4° giornata

Si parte sabato 12 alle 14:30 per gustare lo spettacolo del match decisivo tra Irlanda e Francia, dove i padroni di casa sono a punteggio pieno e i trSi parte sabato 12 alle 14:30 per gustare lo spettacolo del match decisivo tra Irlanda e Francia, dove i padroni di casa sono a punteggio pieno e i transalpini cercano ancora speranze di vittoria. Il match è una battaglia come solo il rugby sa regalare, ma grazie alle difese agguerrite, nei primi minuti si segna solo grazie ai calci. Al 24’ la situazione vede l’Irlanda condurre per 9-6 con tre calci di O’Gara contro un calcio e un drop di Yachvili. Quattro minuti dopo i “galletti” vanno in meta con una grande giocata di Dominici, e Yachvili trasforma. Altri cinque minuti e la Francia va ancora in meta: è la volta del 21enne debuttante Baby, e Yachvili trasforma nuovamente. Irlanda 9 Francia 18 a metà gara. O’Gara prova ad avviare la rimonta nella ripresa con un calcio nei primi minuti, ma arriva la risposta del mediano francese dopo circa 10 minuti con un’altra marcatura. Al 71’ l’Irlanda sembra riaprire il match con la superba meta di O’Driscoll in mezzo ai pali e alla trasformazione di O’Gara, ma a due minuti dal termine i transalpini chiudono la battaglia con la seconda meta di Dominici. Termina 19-27 e la Francia rientra prepotentemente in corsa per la conquista del trofeo.
La seconda sfida è Inghilterra-Italia, entrambe ancora a zero punti e con molteplici titolari infortunati. Solo cinque minuti e Hodgson piazza un calcio tra i pali, seguito dopo quattro minuti dalla meta di Cueto e dalla trasformazione del vice-Wilkinson. Alla partenza davvero pessima degli azzurri, si aggiunge l’infortunio di Ongaro che si frattura la tibia. Al 24’ l’Italia mette la testa fuori dal sacco e dopo un’azione convulsa prova a sfruttare un calcio con il neo-convocato Peens che mette dritto l’ovale sul palo. Gli azzurri, sostenuti dai 5mila italiani a Twickenham, arrivano con Pedrazzi a un metro dalla meta, ma l’azione sfuma in un nulla di fatto. La mazzata arriva nei minuti finali del primo tempo: le due mete di Thompson e Cueto, e una sola trasformazione, mandano i 30 negli spogliatoi sul 22-0. Nei primi minuti della ripresa l’Italia va in meta: caparbia azione di mischia azzurra che avanza per oltre 10 metri, l’ovale viene liberato dal lato opposto del campo dove c’è soprannumero, permettendo così a Troncon di schiacciare oltre la linea. Peens trasforma con un bel calcio: 22-7. Al 56’ in seguito all’infortunio di Intoppa, già subentrato al tallonatore Ongaro, si va in “no-contest” causa l’assenza di un vero e proprio tallonatore. Da quell’azione fino alla fine del match, saranno gli Inglesi i soli padroni del campo andando in meta con Balshaw, Cueto e Hazell. Termina la disfatta azzurra sul 37-7.
Domenica invece è il turno di Scozia-Galles. Bastano solo venti minuti ai “dragoni” per chiudere il match contro una Scozia ormai salva dal “Cucchiaio di legno”. Sono ben quattro le mete gallesi realizzate da R. Jones, R. Williams, S. Williams e Morgan. Tutte e quattro le mete sono trasformate dal piede fatato di S. Jones che porta il punteggio sullo 0-24 al 18’ minuto. Solo al 23’ Paterson rompe la monotonia con un buon piazzato, ma è ancora Galles con la seconda meta personale di Morgan, e l’ovvia trasformazione di S. Jones che manda a riposo le due compagini sul 3-38. Il secondo tempo inizia con la sesta meta degli ospiti realizzata da R. Williams, stavolta però non trasformata. Ma finalmente gli “Highlanders” trovano la forza per reagire e con Craig vanno in meta al 54’. Paterson trasforma e il Galles inizia a calare vistosamente, tanto da permettere altre due belle mete agli scozzesi che prendono coraggio, ma il divario è ancora notevole e resterà immutato fino al termine dell’incontro che si chiude sul 22-46.
La classifica ad una giornata dalla chiusura vede il GALLES a punteggio pieno a quota 8, l’IRLANDA ferma a 6 raggiunta dalla FRANCIA, SCOZIA e INGHILTERRA 2 punti e l’ ITALIA ancora a zero vittorie, ormai destinata al beffardo “Cucchiaio di legno”.

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy