• Google+
  • Commenta
13 giugno 2005

Pozzuoli festeggia Sophia Loren

L’attrice, torna dopo 22 anni a Pozzuoli, sua città natale, per ricevere il Premio Civitas, le chiavi della città e diventare cittadina onoraria puteoL’attrice, torna dopo 22 anni a Pozzuoli, sua città natale, per ricevere il Premio Civitas, le chiavi della città e diventare cittadina onoraria puteolana. E si commuove ricordando la sua infanzia. La Loren, dopo l’ultima visita compiuta nel 1983 quando la cittadina flegrea fu colpita dal bradisismo, è stata accolta da grandi manifestazioni di simpatia della popolazione. Al Rione Terra, l’antica Acropoli della città greca, dove ha sede il municipio, l’attendevano il sindaco Vincenzo Figliolia, il presidente della Giunta regionale campana, Antonio Bassolino, ed il presidente della Provincia di Napoli, Dino Di Palma. Emozionata, tradita dalla commozione a più riprese la Sophia nazionale, vestita con un tailleur pantalone bianco, foulard stretto al collo, ha indossato la fascia azzurra di cittadina onoraria, salutata da una ovazione dell’aula consiliare dove si accalcavano, insieme ai consiglieri comunali, a fotografi e operatori, decine di ammiratori e cittadini.
”Grazie, grazie. Non so se me lo merito”, ha detto l’attrice con le lacrime agli occhi. In sala c’era anche la sorella Maria Scicolone, madre di Alessandra Mussolini con la figlia di quest’ultima, Caterina.” Sophia ha Pozzuoli nel sangue – ha detto il sindaco Figliolia – noi le chiediamo di essere nostra ambasciatrice”. “E’ un simbolo ed un mito – ha aggiunto Bassolino – a suo livello ci sono soltanto Greta Garbo, Marlene Dietrich e Marylin Monroe, ma lei non ha pagato il prezzo della gloria universale perché è cresciuta con valori forti. E’ napoletana, non ha mai rinunciato alla famiglia ed al rapporto con la realtà quotidiana”.
Al termine della cerimonia insieme alla sorella e alla nipotina, la Loren ha visitato gli scavi archeologici dell’Acropoli di Pozzuoli, che risale al 194 A.C. ed è stata fatta entrare, come privilegio speciale, nel tempio di Augusto ancora chiuso al pubblico. Lei è rimasta davvero impressionata e, in napoletano, ha commentato: “Madonna chesta è ’a terra mia”. Poi si è recata al pranzo di onore che le ha riservato l’Accademia Aeronautica.

Google+
© Riproduzione Riservata