• Google+
  • Commenta
25 luglio 2005

Millions di Danny Boyle

Sono dell’opinione che nessuno è perfetto e che una giornata storta può capitare a tutti. E purtroppo anche Danny Boyle conferma questo stato di cose.Sono dell’opinione che nessuno è perfetto e che una giornata storta può capitare a tutti. E purtroppo anche Danny Boyle conferma questo stato di cose. Il suo ultimo film, Millions, è proprio una giornata storta per il suo cinema, un lavoro che non lascia il segno e che non coinvolge lo spettatore. La storia è sì particolare, ma ricalca dei clichè già visti altrove: per puro caso, due ragazzini trovano una borsa piena di sterline, frutto di una rapina e decidono di tenere per sé il denaro. Nel giro di una settimana però tutti quei soldi non saranno più utilizzabili perché anche l’Inghilterra sta per aderire alla moneta unica europea. I due si affrettano a spendere o cambiare il maggior numero di banconote possibili, ma c’è sempre qualche imprevisto che li mette in difficoltà.
Perché l’autore di due film stupendi e di sicuro fuori dagli schemi come Traispotting e 28 giorni dopo abbia deciso di raccontare una favola così mal riuscita, non è ancora molto chiaro. Fatto sta che i due ragazzini protagonisti del film vivono avventure a dir poco inverosimili e sono caratterizzati in maniera alquanto ridicola: il più piccolo dei due è un fanatico religioso che ha continue visioni dei santi e dei martiri, il più grande sembra un genio della finanza. A fare da contorno ai protagonisti un padre vedovo che si innamora della maestra, una strana famiglia di mormoni e un ladro maldestro. Tutti gli ingredienti di un’allegra, ripetitiva commedia per bambini che dall’autore dei film sopra citati nessuno si aspettava. Da salvare di certo le intuizioni visive del regista, i suoi giochi di luce tra i vagoni degli innumerevoli treni che passano appena fuori città, le inquadrature con il dolly all’interno della casa e una simpatica crescita lampo della casa stessa realizzata in animazione 3D davvero efficace. Ma se l’occhio ha la sua parte, manca tutto il resto, e non è cosa da poco!

Gaetano Maiorino

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy