• Google+
  • Commenta
29 agosto 2005

Rettore dell’Università per Stranieri di Perugia al meeting di Rimini

L’Università per Stranieri di Perugia, luogo esclusivo di formazione e di incontro, di dialogo e integrazione fra giovani di lingue e culture diverse,L’Università per Stranieri di Perugia, luogo esclusivo di formazione e di incontro, di dialogo e integrazione fra giovani di lingue e culture diverse, si conferma interlocutore privilegiato nel dibattito sui temi della cooperazione internazionale. Sul ruolo specifico della formazione nel processo di pace e sviluppo nei paesi terzi il rettore della Stranieri, Stefania Giannini, ha svolto ieri un intervento presso il Meeting riminese di Comunione e Liberazione nel corso di un workshop al quale sono interventi, tra gli altri, il sottosegretario agli Esteri, Giampaolo Bettamio, il rappresentante del Segretario generale delle Nazioni Unite in Iraq, Staffan De Mistura, Giuseppe Deodato, direttore generale della Cooperazione allo Sviluppo della Farnesina e Sergio Marelli, presidente delle ONG italiane. In qualità di referente del Sistema universitario presso l’Unità di Coordinamento per l’Emergenza Asia della Direzione per la Cooperazione allo Sviluppo della Farnesina, Stefania Giannini ha illustrato ad una folta platea di giovani le azioni sinora svolte in questo senso dalle Università italiane, sottolineando come da una prospettiva ‘terzomondista’ i paesi industrializzati sono progressivamente passati all’adozione di un modello operativo fondato sul partenariato, in cui è di primaria importanza l’impiego di sistemi di produzione e trasmissione delle conoscenze ed in cui la formazione delle future generazioni costituisce priorità essenziale. Nutrita è serie di iniziative didattiche e scientifiche recentemente poste in essere dagli Atenei italiani in questa prospettiva, alcune delle quali per diretta iniziativa dell’Università per Stranieri di Perugia. Tra esse, la missione svolta dal rettore Giannini in India, nell’inverno scorso, dalla quale è scaturito lo sviluppo di due specifici progetti mirati all’adozione, attraverso borse di studio, di studenti dei paesi asiatici colpiti dal maremoto del 26 dicembre 2004, finalizzata a garantirne la formazione universitaria nei settori di riferimento. Attraverso questa nuova responsabilità istituzionale, la Stranieri riafferma con ulteriore slancio la sua specifica vocazione internazionalistica, che la vede testimone ed interprete primaria, nell’ambito del panorama universitario italiano, di un progetto formativo volto alla creazione di un’autentica cultura della solidarietà.

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy