• Google+
  • Commenta
27 settembre 2005

Almalaurea: il lavoro dopo la laurea 73mila laureati sul loro futuro

Al via l’ottava indagine sulla condizione occupazionale:
3.010 dottori dell’Università di Parma.
L’Indagine 2005 sulla condizione occupaziona
Al via l’ottava indagine sulla condizione occupazionale:
3.010 dottori dell’Università di Parma.
L’Indagine 2005 sulla condizione occupazionale dei laureati delle Università aderenti al Consorzio
Interuniversitario ALMALAUREA giunge quest’anno alla sua ottava edizione. Oltre 73mila laureati di
35 università italiane, che fanno parte delle 43 aderenti ad ALMALAUREA, hanno già cominciato ad
essere intervistati in questi giorni per capire quale è stato il loro destino dopo la discussione
della tesi. Lavorano o stanno cercando un impiego? Hanno preferito proseguire gli studi? Le
interviste continueranno sino ai primi di novembre.
L’indagine coinvolgerà i 3.010 laureati dell’Università di Parma che hanno conseguito il titolo
nelle sessioni estive (tra maggio e luglio) degli anni 2004, 2002 e 2000. In particolare, saranno
interrogati sulla loro condizione occupazionale 1.140 laureati a un anno dal conseguimento del
titolo, 1.031 a tre anni dalla laurea e 839 a cinque anni.
Per la prima volta saranno coinvolti nell’indagine oltre novemila laureati di primo livello
(laureati triennali post-riforma) – 178 dell’Ateneo di Parma – con approfondimenti sulla
prosecuzione degli studi universitari. Sarà inoltre proposto, tra le novità, un approfondimento
sui Master.
ALMALAUREA presenterà l’atteso rapporto annuale sull’ingresso dei giovani laureati nel mondo del
lavoro a febbraio 2006, presso le Università di Roma, confermando la tempestività del Consorzio
nell’elaborazione statistica dei dati. L’indagine prenderà in esame la condizione occupazionale dei
laureati, la loro posizione professionale, il tipo di contratto di lavoro, il reddito, l’utilizzo delle
conoscenze informatiche nella ricerca di un impiego. Emergeranno dal rapporto anche i dati sulla
distinzione di genere e di territorio e i valori sull’efficacia della laurea rispetto al lavoro svolto, sulla
partecipazione dei laureati che non lavorano a Master, tirocini e stage.
Gli Atenei coinvolti nella nuova rilevazione sono, ovviamente, solo quelli che hanno inserito i
propri laureati in banca dati da almeno un anno. Ecco l’elenco: Bari, Basilicata, Bologna, Bolzano,
Calabria, Cassino, Catania, Catanzaro, Chieti, Ferrara, Firenze, Foggia, Genova, Messina, Milano
IULM, Modena e Reggio Emilia, Molise, Padova, Parma, Perugia, Piemonte Orientale, Reggio
Calabria, Roma LUMSA, Roma 3, Salerno, Sassari, Siena, Torino, Torino Politecnico, Trento,
Trieste, Udine, Venezia Ca’ Foscari, Venezia-IUAV, Verona.

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy