• Google+
  • Commenta
9 settembre 2005

Città di Modena

Dal 12 al 16 settembre ospiterà il secondo Meeting italo-svizzero di Chimica medicinale.
L’importante appuntamento scientifico, organizzato dal DDal 12 al 16 settembre ospiterà il secondo Meeting italo-svizzero di Chimica medicinale.
L’importante appuntamento scientifico, organizzato dal Dipartimento di Scienze Farmaceutiche dell’Università degli studi di Modena e Reggio Emilia, in collaborazione con la Divisione di Chimica Farmaceutica della Società Chimica Italiana e la Division for Medicinal Chemistry of Swiss Chemical Society, sarà inaugurato lunedì 12 settembre alle ore 18,30 presso la storica sede dell’Accademia Militare di Modena (Piazza Roma 175) con gli indirizzi di saluto rivolti ai presenti dalle principali autorità accademiche ed istituzionali e la relazione di apertura del prof. Dale Boger dell’Istituto di Ricerche Scripps, La Jolla (USA).

Il Congresso, patrocinato dalla European Federation of Medicinal Chemistry (EFMC), oltre a rappresentare un riconoscimento significativo per l’attività svolta nell’ambito della chimica farmaceutica dal locale Dipartimento di Scienze Farmaceutiche dell’Ateneo, costituisce un indubbio evento scientifico e culturale per la comunità accademica e l’occasione per radunare a Modena i più affermati studiosi e ricercatori in campo chimico-farmaceutico, provenienti da tutto il territorio nazionale, oltre che europeo. Per questo evento ne sono attesi più di 270.

Le tematiche trattate, riguardano argomenti di frontiera, come la chimica dei carboidrati nella progettazione dei farmaci, i recettori nucleari, gli inibitori delle proteasi, i progressi nella ricerca oncologica, il dolore e le malattie neurodegenerative, in cui il confronto e la necessità di stabilire collaborazioni interdisciplinari, creando nuovi network in ambito nazionale ed internazionale, sono impellenti.

“Le aree di ricerca prescelte, – avverte il prof. Livio Brasili, Direttore del Dipartimento di Scienze farmaceutiche dell’Università degli studi di Modena e Reggio Emilia Presidente del Comitato organizzatore – riguardano settori terapeutici rilevanti nell’ambito della ricerca farmaceutica (trattamento delle malattie neurodegenerative, del dolore, delle varie forme tumorali, del diabete e altri) e trovano riscontro ed ampio interesse nella nostra comunità scientifica e nelle attività di ricerca svolte presso il nostro Dipartimento di Scienze Farmaceutiche, dove operano vari gruppi impegnati nella progettazione e sviluppo di nuovi principi attivi, quali potenziali farmaci utili per il trattamento di patologie diverse”.

Nelle giornate successive, che si svolgeranno presso il Forum Guido Monzani (via Aristotele 33), sono previste 22 letture magistrali, tenute da relatori italiani (12) e stranieri (10), espressione dei gruppi scientifici operanti sia in ambito industriale che universitario. Ampio spazio è stato riservato anche alle comunicazioni orali brevi a tema libero (19).

Durante il convegno verranno consegnati alcuni prestigiosi riconoscimenti scientifici:

– la Medaglia G. Giacomello, istituita dalla Divisione di Chimica Farmaceutica, assegnata ad uno studioso italiano che si sia distinto per ricerche originali e di rilevante interesse nell’ambito delle Scienze Chimico-Farmaceutiche;
– due Premi Farmindustria, dell’importo di € 3000,00 ciascuno, assegnati a due giovani ricercatori che si sono distinti per la loro attività di ricerca nell’ambito della Chimica Farmaceutica;
– un Premio di € 500,00 alla migliore comunicazione poster presentata al convegno.

Nella giornata di venerdì 16 settembre alle ore 9,00 verrà ricordata, inoltre, la prof.ssa Maria Di Bella, già Preside della Facoltà di Farmacia dell’Università degli studi di Modena e Reggio Emilia e figura di rilievo nell’ambito della Chimica Farmaceutica modenese e nazionale. La sua commemorazione sarà affidata al prof. Vincenzo Tortorella dell’Università di Bari ed al prof. Carlo Melchiorre dell’Università di Bologna.

Intenso anche il programma sociale e culturale: martedì 13 settembre alle ore 21,00 è previsto al Duomo di Modena un concerto d’organo, che il comitato organizzatore ha voluto aprire a tutta la cittadinanza, mentre il pomeriggio di mercoledì 14 c.m. verrà dedicato ad una gita, che permetterà ai congressisti di apprezzare di alcuni aspetti caratterizzanti Modena e il suo territorio, quali la visita al centro storico della città, la visita ad un’acetaia di balsamico tradizionale, e la visita alla galleria Ferrari a Maranello.

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy