• Google+
  • Commenta
22 settembre 2005

In Bocconi cinque appuntamenti con Genesi. La narrazione

L’astronauta Roberto Vittori e la poetessa Alda Merini, insieme ad altri personaggi della società civile e al biblista e prefetto della Biblioteca AmbL’astronauta Roberto Vittori e la poetessa Alda Merini, insieme ad altri personaggi della società civile e al biblista e prefetto della Biblioteca Ambrosiana Gianfranco Ravasi, saranno i protagonisti dei cinque incontri dedicati alla narrazione della Genesi, dalla nascita dell’universo a Giuseppe il sognatore. Cinque serate che a partire da martedì 27 settembre alle ore 19 animeranno le aule dell’Università Bocconi. Promossa dall’ateneo milanese, dalla Cooperativa In Dialogo e dal Centro ambrosiano di documentazione e studi religiosi (con la collaborazione di Azione Cattolica ambrosiana e il sostegno della Fondazione Cariplo), Genesi. La narrazione si inserisce nella tradizione degli appuntamenti culturali che mirano a riscoprire opere letterarie prima semplicemente catalogate tra i testi fondamentali di ogni curriculum scolastico. Dopo le letture dantesche di Sermonti, il calendario culturale milanese si concentra così sulla Genesi, un’occasione per aprire al presente e interpretare in chiave laica il testo.
“La Genesi è celebrazione letteraria e teologica del principio assoluto dell’essere e della storia”, spiega Gianfranco Ravasi. “Sul fondale cosmico della creazione entra in scena ha-‘dam, in ebraico l’Uomo di tutti i tempi, la cui avventura mirabile vissuta con Dio, con la donna e con la terra è però lacerata dal male e dal peccato che striano l’intera storia. Ma ecco apparire la figura di Abramo, l’uomo benedetto da Dio, destinato a ricordarci che l’ultimaparola è sempre quella della speranza e della salvezza”.
Le parole di monsignor Ravasi delineano il percorso seguito dai cinque appuntamenti che, partendodall’origine, proseguono narrando la violenza, i nomadi, le figure del lottatore e quella del sognatore. Le narrazioni saranno interpretate da due attori della Scuola del Piccolo di Milano, Stefano Moretti e Michele Nani, e da un’attrice della Scuola dello Stabile di Torino, Francesca Porrini, e curate da Marco Merlini. A introdurre ciascun incontro saranno biblisti e teologi mentre la conclusione sarà affidata a cinque personaggi della società civile e della cultura: Roberto Vittori, Luigi Pagano (provveditore regionale delle carceri lombarde), Carla Perotti (documentarista), un giornalista inviato di guerra in Iraq e Alda Merini. A partire dalla loro esperienza e dagli spunti offerti dal testo biblico saranno chiamati a riflettere su cosa possa significare oggi, in chiave laica, un testo come la Genesi.
“E’ proprio l’incontro tra due mondi diversi, la volontà di cercare un punto d’incontro e di dialogo, ad aver spinto la laica Bocconi a promuovere questa iniziativa”, spiega Severino Salvemini, direttore del corso di laurea in economia per le arti, la cultura e la comunicazione della Bocconi. “Il valore culturale e il valore sociale di Genesi. La narrazione ben si sposano con gli obiettivi di un’università che vuole essere sempre più presente nella vita della città in cui è inserita. In un momento storico dove massima è l’attenzione di tutti sui valori delle società cross-culturali, vale la pena di cominciare a riscoprire il valore letterario e culturale di un testo fondamentale come la Bibbia”.

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy