• Google+
  • Commenta
11 settembre 2005

“La donna vendicativa” di Roberto De Simone

Gran finale per la XXVI edizione di Benevento Città Spettacolo, che sabato 10 ha ospitato al Teatro Comunale l’ultima regia di Roberto De Simone, ‘La Gran finale per la XXVI edizione di Benevento Città Spettacolo, che sabato 10 ha ospitato al Teatro Comunale l’ultima regia di Roberto De Simone, ‘La donna vendicativa’ di Carlo Goldoni. La commedia risale agli ultimi anni di attività del Goldoni (1752) e da essa traspare tutta l’amarezza dell’autore per l’abbandono di protettori e amici che segnò la sua vecchiaia. Il testo è stato ampiamente riscritto da De Simone, che non si è limitato ad abbandonare il veneto a favore dell’italiano, ma ha proceduto ad una modernizzazione del testo spregiudicata e ricca di riferimenti agli anni Trenta del Novecento. La messinscena gioca umoristicamente col teatro di maniera: le musiche di Vivaldi e Pergolesi riscritte da De Simone sono eseguite dal vivo da due suonatori di corno vestiti in abiti settecenteschi, una citazione che fa contrasto coi costumi anni trenta degli altri personaggi (a questo proposito, ottimo il lavoro svolto dalla costumista Odette Nicoletti). Nei panni della protagonista, l’astuta e cinica serva Corallina, una delle più grandi interpreti della scena italiana, Maddalena Crippa, che si conferma ancora una volta artista di grande carattere tornando all’autore col quale aveva debuttato all’età di 18 anni sotto la guida di Strehler. Il personaggio di Corallina si compone così, grazie all’arte della Crippa, di numerose sfaccettature: ambizione e rabbia ma anche tristezza e fragilità. Tra gli interpreti, ricordiamo le belle interpretazioni di Cosimo Cinieri (tra i motori dell’intreccio) nei panni del vecchio collerico e di Leonardo Petrillo in quelli di Arlecchino. Si tratta di una produzione ricchissima, che ha potuto contare sul sostegno della Regione, delle province di Benevento e Napoli e del Ministero, oltre ai tanti sponsor. Non ha quindi dovuto giocare a ribasso lo scenografo Mauro Carosi, che ha progettato una struttura modulare scomponibile e mobile, dando all’ambiente la possibilità di cambiare al mutare degli eventi.

Cast Maddalena Crippa, Cosimo Cinieri, Renata Fusco, Maria Rosaria Carli, Leonardo Petrillo, Luciano Roman, Ciro Damiano, Giuseppe Ranosa, Antonio Proto, Raffaele Papa scene Mauro Carosi costumi Odette Nicoletti regia Roberto De Simone

Google+
© Riproduzione Riservata