• Google+
  • Commenta
31 ottobre 2005

Anguillara: ancora pochi giorni per ammirare la piroga

“Dopo una prima fase – spiega l’assessore al Turismo di Anguillara Carmelo Capone – si passa ora ad una nuova fase che comprende sia l’avvio del resta“Dopo una prima fase – spiega l’assessore al Turismo di Anguillara Carmelo Capone – si passa ora ad una nuova fase che comprende sia l’avvio del restauro del reperto che l’ultimazione del centro visite”
Ultime occasioni, almeno per un certo periodo, per ammirare ad Anguillara la piroga neolitica rinvenuta nel villaggio neolitico sommerso della Marmotta ed esposta dal 24 settembre scorso al nuovo centro visite comunale, inserito nel circuito del Sistema Turistico Cerite-Tolfetano Sabatino, in via Anguillarese 145.
Il centro visite resterà aperto infatti nei giorni di martedì 1° novembre (orario 16-19), sabato 5 novembre (orario 16-19), domenica 6 novembre (orario 10-13 e 16-19). Per il prezioso reperto, riportato in superficie ad opera del Museo Nazionale Preistorico Etnografico Luigi Pigorini, il 31 luglio scorso sotto la supervisione della soprintendente Antonietta Fugazzola Delpino, si apre ora una fase di restauro che verrà effettuato in loco da esperti del settore.
“Dopo una prima fase – spiega l’assessore al Turismo di Anguillara Carmelo Capone – si passa ora ad una nuova fase che comprende sia l’avvio del restauro del reperto che l’ultimazione del centro visite. I costi del restauro della piroga dell’importo di circa 45mila euro non comporteranno alcuna spesa per il Comune di Anguillara in quanto per il 50 per cento sono a carico del Sistema turistico Cerite-Tolfetano-Braccianese e per il restante 50 per cento verranno coperti con sponsorizzazioni ad hoc. Il centro visite – spiega ancora l’assessore Capone – dovrà inoltre essere ultimato. Oltre alla realizzazione di un bagno sono previsti accessori adeguati ad una sala riunione: sedie con ribaltine, un televisore per la proiezione di video realizzati dal Museo Pigorini sugli scavi subacquei, un lettore Dvd ed altre apparecchiature. Nel corso del 2° Convegno di Archeologia Sperimentale – sottolinea ancora l’amministratore comunale – sia l’assessore alla Cultura della Regione Lazio Giulia Rodano che l’assessore alla Cultura della Provincia di Roma Vincenzo Vita hanno preso l’impegno inoltre di sostenere con fondi dei rispettivi enti anche il progetto di ricostruzione del villaggio neolitico al Giardino dei Pescatori così come elaborato nel progetto della Soprintendenza alla Preistoria e presentato ai Beni Culturali”.
“Anguillara – aveva detto infatti nell’occasione l’assessore regionale Rodano facendo riferimento ai rinvenimenti del neolitico – è tra i punti d’eccellenza per il rilancio del sistema museale della regione”. Entusiasta anche l’assessore provinciale Vita che ha assicurato: “ci faremo portatori di iniziative di restauro e valorizzazione”.
Dal giorno della presentazione del reperto ad oggi migliaia sono stati i visitatori, affascinati dalla civiltà della Marmotta che 8mila anni fa, viveva sulle sponde del lago di Bracciano sotto il promontorio di Anguillara. Tra i tanti visitatori anche scolaresche provenienti da Fiumicino. Con una recente delibera la giunta comunale ha deciso che quando il centro visite potrà dirsi ultimato anche con maggiori reperti messi a disposizione dalla Soprintendenza alla Preistoria l’ingresso avrà un costo: 1 euro a persona ridotto a 0,50 per le scolaresche.

Google+
© Riproduzione Riservata