• Google+
  • Commenta
20 ottobre 2005

Cinzia TH Torrini regista di Elisa di Rivombrosa ospite di Radio Bussola 24

Edizione speciale delle news locali di bussola 24. dedichiamo il nostro appuntamento pomeridiano alla seconda serie di una fiction – kolossal in cos
Edizione speciale delle news locali di bussola 24. dedichiamo il nostro appuntamento pomeridiano alla seconda serie di una fiction – kolossal in costume che è riuscita ad entrare nel cuore del suo pubblico, fino a configurarsi come un vero e proprio cult. La prima serie fu il successo televisivo dell’anno e a quanto pare stando agli spettatori delle prime sei puntate il secondo capitolo è destinato a confermare il grande consenso di pubblico. Stiamo parlando ovviamente di Elisa di Rivombrosa, la fiction in costume di canale 5 più amata dagli italiani. Gran parte del merito di questo successo va senza dubbio a Cinzia TH Torrini, la regista di Elisa di Rivombrosa in questi giorni a Napoli, buon pomeriggio e ben venuta su B24.
Allora, innanzitutto specifichiamo che lei è stata la regista della prima serie, ma per quanto riguarda il secondo capitolo firma la regia solo delle prime sei puntate, gli altri sette sono diretti da Stefano Alleva. Le faccio la domanda più scontata, perché questa scelta?
Ho letto infatti da qualche parte che proprio l’entusiasmo della prima serie l’ha convinta ad andare avanti, il fatto che il pubblico avesse compreso il suo obiettivo, ovvero raccontare una favola con realismo…

Verso quale direzione è andata la sua ricerca? Quali caratteristiche dovevano avere i nuovi personaggi per incastrarsi perfettamente con quelli della prima edizione di Elisa e quali tipologie ha immediatamente escluso?

Non le chiedo di pesare i due capitoli da un punto di vista affettivo perché immagino che sia impossibile per mille motivi. Ma posso chiedere invece qual è il personaggio preferito di Cinzia TH Torrini in Elisa di Rivombrosa, magari8 anche quello più nascosto e perché?
Torniamo per un attimo a parlare delle riprese. Iniziate il 4 ottobre in Piemonte sono terminate il 25 febbraio. In questi 5 mesi lei ha scelto Otranto come location , ma ha anche voluto che il suo splendido centro storico si trasformasse, diciamo così, nella piazza dei quattro venti di Napoli. Perché anche questa scelta?

Si inquadra alla perfezione con il paesaggio del tempo, ed il mare è perfetto come Golfo di Napoli come location voluto che Rivombrosa per le riprese (iniziate i primi dicembre) di questa fiction-kolossal in costume. Cinzia Th Torrini, che ha girato solo i primi sei episodi (, spiega perché Otranto: “; certo saranno necessari alcuni interventi di computer grafica, ma la location, per la seconda parte di “Elisa di Rivombrosa”, non potrebbe essere migliore. È la prima volta che giro nel Salento e l’impressione è ottima, come sempre il primo giorno è il più problematico perché le comparse devono imparare a recitare, ma tutti sono stati bravissimi”.

Altre due puntate è il testimone della regia passerà nelle mani di Stefano Alleva. Quali saranno invece i suoi prossimi impegni?

Nei suoi film, sia che siano commedie o thriller, si rileva una sottile attenzione verso il sociale e le problematiche che comunque affliggono la società attuale.

Perfetto. Noi la ringraziamo per aver trascorso questi minuti con noi impreziosendo il nostro consueto appuntamento pomeridiano con l’informazione. Grazie ancora e da parte di Bussola 24 un grande in bocca al lupo.
Redazione Bussola24

Google+
© Riproduzione Riservata