• Google+
  • Commenta
27 ottobre 2005

Un matrimonio dall’altro mondo: “La sposa cadavere

Esce nelle sale il 28 ottobre prossimo “La sposa cadavere”, nuovo film d’animazione diretto da Tim Burton. Dodici anni dopo “Nightmare before Christ
Esce nelle sale il 28 ottobre prossimo “La sposa cadavere”, nuovo film d’animazione diretto da Tim Burton. Dodici anni dopo “Nightmare before Christmas” il regista si cimenta nuovamente in una favola dark con un risultato che è migliore del primo esperimento. La trama narra la vicenda di Victor, figlio di borghesi arricchiti il quale è costretto a sposare alla cieca Victoria, appartenete ad una famiglia di nobili decaduti. Alle prove per il matrimonio Victor palesa tutta la sua goffaggine ma Victoria si innamora lo stesso di lui, ricambiata. Il giovane si rifugia nel bosco per esercitarsi con la formula di matrimonio, e preso dall’enfasi infila l’anello in un ramo che spunta dal terreno. Il ramo è in realtà il dito di Emily, la sposa cadavere, che reclama ora Victor come suo legittimo marito. A Victoria, intanto, i genitori hanno già trovato un nuovo sposo, il misterioso Lord Barkis. Si ride nero, le gag più macabre fanno da preambolo ad un finale poetico, che all’ultima mostra di Venezia ha fatto inumidire gli occhi anche dei critici cinematografici più severi.
Tratto dalla cultura popolare russa, Corpse bride, questo il titolo originale, è spassoso, meno legato alle canzoni nell’economia complessiva, ma ricco di colori più morbidi che rendono il bar frequentato dai defunti un posto da cercare immediatamente dopo esser trapassati. I personaggi (creati con la tecnica dello stop-motion) sono divertenti e Victor, dalle fattezze di Johnny Depp, di sicuro saprà farsi amare nella sua adorabile sbadataggine. Infine, nonostante Corpse bride deve cedere il passo in quanto a fluidità dell’animazione al suo predecessore, il film vince sul fronte dello sviluppo della trama che rende il film imperdibile.

Google+
© Riproduzione Riservata