• Google+
  • Commenta
10 novembre 2005

AIDS:si accendono le speranze

A partire dal 2006 comincerà la fase 2 della sperimentazione del vaccino italiano contro il virus dell’Aids. L’annuncio è stato dato da Barbara Enso
A partire dal 2006 comincerà la fase 2 della sperimentazione del vaccino italiano contro il virus dell’Aids. L’annuncio è stato dato da Barbara Ensoli, artefice del vaccino, vengono inoltre confermati dal ministro della salute, Francesco Storace, la messa a disposizione di 22 milioni di euro che serviranno a finanziare la sperimentazione italiana.
Barbara Ensoli ha messo a punto il vaccino contro l’Hiv nei laboratori dell’Istituto Superiore di Sanità e, conclusa la fase 1 della sperimentazione clinica che ha riguardato la non nocività del vaccino, la Ensoli ha spiegato che “la fase due riguarda l’immunogenicità e darà i dati preliminari sulla sua efficacia. Gli sperabili buoni risultati della fase 2 renderanno poi più facile avere le risorse per la fase 3, che è quella che stabilirà definitivamente l’efficacia del vaccino e precederà la sua registrazione e distribuzione”.
La fase 2 della sperimentazione italiana prevede una piccola sperimentazione sull’utilizzo preventivo e una grande sperimentazione sull’utilizzo terapeutico. Coinvolgerà 1000-2000 soggetti in vari centri di tutta Italia, comprese le Isole, e durerà, dal momento dell’arrivo dei soldi, da due anni e mezzo a tre anni (i primi sei mesi-un anno per poter partire; uno-due anni per sperimentare).

Google+
© Riproduzione Riservata