• Google+
  • Commenta
28 novembre 2005

Catanzaro: conclusione della terza edizione del Master di II livello in Diritto del Lavoro

Si conclude domani 29 novembre all’Università Magna Græcia la terza edizione del Master di secondo livello in Diritto del Lavoro. Alle ore 18, infattiSi conclude domani 29 novembre all’Università Magna Græcia la terza edizione del Master di secondo livello in Diritto del Lavoro. Alle ore 18, infatti, presso l’Aula G al Campus universitario di Germaneto, i 38 allievi partecipanti a questa terza edizione del master, dopo la discussione del proprio lavoro di tesi conclusivo, riceveranno il diploma per il conseguimento di questo ulteriore titolo accademico. Sarà presente il Rettore dell’Università Magna Græcia, il professor Salvatore Venuta.
“Il master – ha detto il professor Antonio Viscomi, direttore della Cattedra di Diritto del Lavoro presso la facoltà di Giurisprudenza dell’Ateneo – è un luogo privilegiato di integrazione tra mondo della ricerca universitaria e mondo delle professioni forensi, sia sul piano organizzativo, sia soprattutto su quello didattico. Inoltre, – ha proseguito il professor Viscomi – opera come catalizzatore di energie intellettuali; lo dimostra il fatto che proprio nell’ambito del master sono state realizzate alcune significative iniziative di studio e di ricerca: penso all’analisi dei procedimenti cautelari che si sono avuti nel tribunale di Catanzaro, alla riflessione sulla organizzazione e sul lavoro negli enti locali, i cui atti sono in corso di stampa. L’esperienza del master – ha concluso il professor Viscomi proprio per questi motivi proseguirà ancora, assicurando occasioni continue di incontro e formazione. Crediamo, infatti, che il master sia una risposta adeguata all’esigenza di formazione permanente che emerge nel mondo forense.”
I 38 allievi partecipanti al master non sono solo calabresi, a dimostrazione della qualità del percorso formativo ormai riconosciuta all’Ateneo catanzarese. È il caso, ad esempio, della dottoressa Caterina Maria Meli, siciliana, laureata all’Università di Catania, che si è classificata prima nelle prove intermedie (ben nove) necessarie per essere ammessi all’esame finale del master.
L’organizzazione scientifica e didattica del master è curata dalla cattedra di Diritto del Lavoro dell’Ateneo catanzarese con la preziosa collaborazione di un comitato di direzione composto dal Preside della Facoltà di Giurisprudenza, il professor Luigi Ventura, dal Presidente del Tribunale di Catanzaro, il dottor Gregorio Greco, e dal Presidente del Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Catanzaro, l’avvocato Giuseppe Iannello. Un modo concreto per favorire l’integrazione e lo scambio tra l’Università ed il territorio, attraverso la promozione di un costante dialogo e di una stretta collaborazione tra mondo accademico e foro.
Il master ha tra i suoi obiettivi quello di offrire un’approfondita conoscenza della normativa che governa il rapporto di lavoro subordinato, coniugando la conoscenza del tessuto normativo –di origine legale e contrattuale– con una pari conoscenza degli ordinamenti giurisprudenziali e delle tecniche di decisione giudiziaria.

Google+
© Riproduzione Riservata