• Google+
  • Commenta
8 novembre 2005

Il viagra protegge gli animali

Dalla sua nascita, nel 1998, il viagra ha di certo salvato la vita a diverse specie animali. Prima della messa a punto di questo farmaco infatti, i soDalla sua nascita, nel 1998, il viagra ha di certo salvato la vita a diverse specie animali. Prima della messa a punto di questo farmaco infatti, i soli rimedi contro l’impotenza venivano dalla medicina tradizionale cinese ed erano pozioni afrodisiache a base di polvere di cavalluccio marino, genitali maschili di foca, corna di rinoceronte e velluti ricavati dalle corna di antilope. Queste pratiche hanno portato ad un vero e proprio sterminio di queste specie animali che sul mercato venivano pagate a peso d’oro (un grammo di polvere di rinoceronte veniva pagato davvero più dell’oro).
Attualmente però il numero di cinesi che ogni anno abbandona le pratiche orientali contro l’impotenza a favore della medicina occidentale è sempre più alto. A dimostrarlo è uno studio condotto da due fratelli australiani, Bill von Hippel, psicologo dell’università del Nuovo Galles del Sud, e Frank von Hippel, biologo dell’università dell’Alaska che hanno condotto un’analisi su 256 pazienti cinesi tra i 50 e i 76 anni. I loro risultati provano chiaramente l’esistenza di una tendenza a senso unico nell’abbandonare le medicine tradizionali per curare le disfunzioni erettili e dimostrano come il commercio del viagra sia in netto rialzo in oriente. Il lavoro, pubblicato sulla rivista “Environment Conservation”, è stato finanziato per buona parte dalla Pfizer, la casa farmaceutica che produce il viagra. Grazie al viagra quindi, niente più stragi di foche, antilopi o cavallucci marini anche se purtroppo, come ha dichiarato lo stesso Hippel: «Finora è stata solo l’impotenza ad attirare gli uomini cinesi verso la medicina occidentale e gli stessi che ricorrono al viagra tornano poi a rimedi orientali tradizionali per curare altri disturbi». Vita dura quindi per tutti gli altri animali utilizzati dalla medicina cinese come la tigre ad esempio, le cui ossa sono utilizzate per curare cefalee e moltissimi altri disturbi, «Purtroppo, per loro il viagra non potrà fare nulla» ha ammesso Bill von Hippel.

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy