• Google+
  • Commenta
4 novembre 2005

Judei de Urbe. Roma e i suoi ebrei : una storia secolare

La comunità ebraica romana, le cui origini risalgono all’età classica, vanta una continuità di insediamento unica in tutto il mondo diasporico occidenLa comunità ebraica romana, le cui origini risalgono all’età classica, vanta una continuità di insediamento unica in tutto il mondo diasporico occidentale, mai interrotta da espulsioni.
La Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Roma “La Sapienza”, in collaborazione con l’Archivio di Stato e con la Fondazione per i Beni Culturali Ebraici in Italia, dedica una convegno di tre giorni al rapporto intercorso tra Roma e la comunità ebraica. L’evento, dal titolo Judei de Urbe. Roma e i suoi ebrei: una storia secolare, si propone come momento di incontro e discussione sul significato e sull’interpretazione delle tante fonti disponibili riguardanti gli ebrei a Roma, ovvero sulla città di Roma e i suoi residenti.
Il convegno, organizzato in tre giornate, prevede quattro sessioni nel corso delle quali i relatori coinvolti, storici e archivisti, saranno chiamati a discutere sull’immagine degli ebrei di Roma, sulla vita quotidiana, sui luoghi, sui soggetti e sui conflitti che hanno caratterizzato lo scambio tra la comunità ebraica e il resto della popolazione romana, con un focus particolare sulla vicenda degli ebrei romani nel Novecento. Filo conduttore delle tre giornate si studio saranno i rapporti con e nella città attraverso i secoli.
I lavori saranno aperti dai saluti di autorità ed esperti del campo. Sarà presente il sindaco di Roma Walter Veltroni; interverrà il Rabbino Capo di Roma Riccardo Di Segni.
Nel corso della tavola rotonda conclusiva coordinata dalla prof.ssa Marina Caffiero sarà presentato il “Progetto nazionale sugli archivi storici delle Comunità ebraiche”, promosso dalla Direzione Generale per gli Archivi del Ministero per i Beni Culturali e le Attività Culturali.

Info: marina.caffiero@uniroma1.it
anna.esposito@uniroma.it
serenadinepi@yahoo.it

Google+
© Riproduzione Riservata